Europa

 

Il FTSE 100 è in rosso in quanto vi è stato un ampio sell-off sul mercato londinese. I titoli  energetici sono i peggiori, ma ci sono perdite anche sui titoli finanziari, minerari e nel settore dei beni di consumo. Il mercato inglese è al di sopra dei minimi della sessione, mentre i principali mercati azionari della zona euro, dopo essere partiti in deciso rosso, ora sono in territorio positivo. L'immagine macroeconomica è sempre la stessa, ma sembra che il fattore paura si sia raffreddato.

 

JD Wetherspoons ha pubblicato un aggiornamento contrastante per il secondo trimestre. Il gruppo ha detto che le vendite su base omogenea nelle 25 settimane fino a fine gennaio sono salite del 6,3%, ma l'azienda ha anche affermato che l'utile del primo semestre sarà inferiore alle previsioni precedenti e  costi più elevati sono stati citati quali causa delle prospettive negative. L'espansione dell'azienda continua con l'apertura tra cinque e 10 nuovi pub. Il gruppo ha mantenuto le previsioni per l'intero anno e ha risollevato la fiducia degli investitori.

 

Le azioni della Metro Bank sono pesantemente in rosso dopo che la banca ha avvertito che i livelli di capitale e i profitti per l'intero anno saranno inferiori alle aspettative. La società finanziaria prevede che i guadagni saranno di circa 50 milioni di pound, mentre gli analisti prevedevano 59 milioni. L'azienda finanziaria ha accusato un finale "debole" di 2018 per il deludente aggiornamento. La banca ha dovuto raccogliere capitali a luglio e, anche se ha confermato di non aver raccolto alcun capitale nel quarto trimestre, gli investitori sono ancora un piuttosto cauti. Quando si considera la stabilità del bilancio, gli investitori preferiscono non correre rischi. L'azione è in declino da ottobre e, se la tendenza ribassista continuasse, potrebbe ritestare l'area di 1.500 pence.

 

Per WH Smith sembra ripetersi la stessa storia, la divisione viaggi ha messo in piedi una buona performance, mentre le vendite al dettaglio hanno sottoperformato. Le vendite anno su anno della divisione specializzata nelle vendite di pacchetti viaggio sono aumentate del 3%, mentre la divisione di vendite al dettaglio ha registrato un calo del 2%.

 

Le azioni di Burberry sono salite questo pomeriggio dopo che la casa di moda ha registrato un aumento dell'1% nelle vendite a parità di punti vendita, mancando le aspettative. La compagnia di abbigliamento ha confermato di avere performance rispettabili in Cina e questo è incoraggiante in quanto vi sono stati dubbi sull'appetito dei consumatori cinesi per i marchi occidentali.

 

Stati Uniti

 

Gli indici azionari sono rimbalzati dopo i cali di ieri. La situazione commerciale USA-Cina rimane irrisolta, ma le solide trimestali di IBM e Procter and Gamble sono al centro dell'attenzione.

 

Le azioni IBM hanno registrato un rialzo oggi, dato che la società ha pubblicato cifre trimestrali ben accolte ieri sera. L'utile per azione è stato di 4,87 dollari, superando la previsione di 4,82, mentre le entrate sono state di 21,76 miliardi di dollari, leggermente al di sopra rispetto alla stima di consenso. Il titolo ha spinto al rialzo dalla fine di dicembre e, se superasse l'area di 127,00 dollari, potrebbe ritestare 130,00 dollari.

 

Le azioni di Procter and Gamble sono salite in scia all'aggiornamento del secondo trimestre. L'utile per azione è aumentato del 27,6% a 1,25 dollari, che ha superato  gli 1,21 dollari che gli analisti azionari stavano prevedendo. Le entrate del periodo sono state di 17,44 miliardi di dollari e la stima di consenso è stata di $ 17,15 miliardi. In aggiunta a ciò, la società ha aumentato la propria guidance con una crescita organica delle vendite dell'1%. Il titolo ha fatto registrare un rialzo da metà ottobre e, se la mossa rialzista continuasse, potrebbe raggiungere l'area di 100,00 dollari.

 

Forex

 

GBP/USD sta spingendo al rialzo e ha raggiunto un livello che non si vedeva da metà novembre, nonostante l'incertezza che circonda la Brexit. Nulla è cambiato, ma l'ottimismo per la sterlina continua a crescere. La lettura degli ordinativi industriale attesi elaborata da CBI a gennaio è scesa a -1, dall'8  registrato a dicembre, mentre  la stima di consenso era 5.

 

EUR/USD è rimasto in gran parte invariato nel corso della giornata. La lettura dell'indice di fiducia delle imprese francesi per gennaio è stato di 103 in linea con le previsioni. La lettura di dicembre è stata rivista al ribasso da 104 a 103. Il sentiment economico in Francia è stato negativo di recente a causa delle proteste dei gilet gialli. La seconda più grande economia in Europa sta subendo un rallentamento economico, e questo non promette nulla di buono per la valuta.

 

Materie prime

 

L'oro non si è mosso molto oggi poiché la volatilità è stata bassa in generale. Recentemente il metallo è stato scambiato in un range ristretto, ma il più ampio trend rialzista iniziato a metà novembre è ancora intatto e potrebbe portare ad un altro test dell'area di 1.300 dollari.

 

Il petrolio è in territorio positivo poiché le materie prime energetiche sono stata sostenute dai movimenti ampiamente positivi delle azioni globali. Il mercato petrolifero è sensibile all'umore per quanto riguarda l'economia globale e anche se la situazione degli Stati Uniti e della Cina è lungi dall'essere risolta, il sentiment negativo è stato messo da parte per ora.

Fonte : CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 23/01/2019


------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.