Se alla fine della scorsa settimana ci fossero stati dubbi sul fatto che gli investitori stessero diventando sempre più nervosi riguardo alle discussioni sul commercio, allora l'azione sui prezzi di ieri sembrerebbe suggerire che questi dubbi stanno diventando più grandi sulla base delle notizie secondo le quali l'amministrazione Trump sta cercando di aumentare ulteriormente le restrizioni ex ante sugli investimenti cinesi in alcune industrie statunitensi per motivi di sicurezza nazionale.

Mentre queste voci sono stati successivamente liquidati come falso in un tweet dal segretario al Tesoro Steve Mnuchin, lo stesso Mnuchin ha anche affermato che qualsiasi restrizione includerebbe qualnche paese che tentasse di rubare un IP americano, con dettagli entro la fine della settimana. Nonostante questo smentita fumosa, è chiaro che l'amministrazione statunitense sembra mirare alla Cina a questo riguardo. Successivamente nel corso della giornata giornata, solo per rafforzare l'idea di quanto sia una farsa la politica commerciale degli Stati Uniti quando si tratta di coerenza, il principale consulente commerciale del presidente Trump, Peter Navarro, ha detto che non c'erano affatto piani del genere. Ciò è riuscito a provocare un rimbalzo nei mercati statunitensi, ma non abbastanza da vedere una chiusura positiva, anche se potremmo vedere un'apertura europea positiva.

Aggiungendo preoccupazioni per nuove tariffe sui veicoli a motore dall'UE, dopo che l'UE ha annunciato la sua rappresaglia alle tariffe imposte sui metalli da Trump la scorsa settimana, così come la prospettiva di ulteriori 200 miliardi di dollari di nuove tariffe sulle merci cinesi, l'amministrazione statunitense ora sembra stia spostando la sua attenzione su un altro dei cavalli di battaglia del presidente Trump, vale a dire il presunto furto della proprietà intellettuale degli Stati Uniti, che è stato sempre un pomo della discordia per il presidente degli Stati Uniti. La prossima domanda per gli investitori ora dato il messaggio confuso che esce dall'amministrazione Trump è se questo è l'ultimo tentativo di tenere i suoi avversari in bilico o se è seriamente intenzionato ad un'ulteriore escalation.

Queste notizie si sono aggiunte alla debolezza dei mercati europei visti negli ultimi giorni, con DAX e FTSE100 che hanno visto le maggiori cadute ieri, con il DAX che ha chiuso ai livelli più bassi in due mesi.

Il FTSE100, in netto contrasto con il forte rimbalzo di venerdì, ha visto la sua peggiore perdita giornaliera da febbraio con titoli azionari legati alle materie prime che hanno guidato la discesa, nonostante un tentativo da parte dei policymaker cinesi di compensare l'effetto delle tariffe indebolendo i requisiti di riserva per un importo pari a 108 miliardi di dollari. Queste azioni hanno avuto poco o nessun effetto, mentre un brusco calo dei prezzi del Brent, che ha invertito parte del rimbalzo di venerdì, ha pesato anche sul crollo delle azioni delle compagnie petrolifere.

I prezzi sono inizialmente saliti alla fine della scorsa settimana dopo che l'OPEC ha annunciato un aumento della produzione inferiore alle aspettative, tuttavia ulteriori dettagli annunciati nel fine settimana hanno suggerito che l'OPEC fosse preoccupata per le forniture troppo rigide nei prossimi mesi.

Nonostante la crescente escalation della retorica della guerra commerciale e il forte calo dei mercati azionari negli ultimi giorni, rimaniamo ancora ben al di sopra dei minimi osservati all'inizio di quest'anno. Ciò non vuol dire che gli investitori siano compiaciuti, ma la rottura di ieri sul DAX potrebbe essere il primo segnale che la diga potrebbe essere in procinto di aprire un'ondata di vendite ancora più grande con i mercati europei come epicentro.

I produttori di automobili, in particolare, sembrano vulnerabili, in quanto le preoccupazioni crescono circa gli effetti sulle relazioni commerciali future, non solo con gli Stati Uniti, ma anche il Regno Unito, dopo che BMW aveva avvertito ieri gli effetti di un mancato accordo sulla Brexit sulla sua redditività. L'innalzamento delle barriere commerciali in due dei maggiori mercati della compagnia potrebbe decimare la sua redditività, insieme al resto del settore automobilistico tedesco.

Sia il Regno Unito che l'Unione Europea devono riflettere a lungo e intensamente sulle loro future relazioni commerciali nei prossimi mesi, in un momento in cui gli scambi con gli Stati Uniti potrebbero diventare molto più difficili.

La sterlina è scesa un po' negli ultimi giorni a causa delle preoccupazioni circa i tempi di un aumento dei tassi futuro. Con Ian McCafferty che lascia il comitato di politica monetaria ad agosto e l'aggiunta di Andrew Haldane allo schieramento dei falchi nell'ultima riunione, l'attenzione si rivolgerà a Jonathan Haskell e al suo punto di vista sulla politica monetaria quando testimonierà al parlamento oggi come sostituto di Ian McCafferty. In particolare, i mercati cercheranno di stabilire se deve essere considerato come un falco o una colomba sulle tempistiche dell'aumento i tassi.

EURUSD- sembra destinato a ritestare l'area 1.1720 / 30 con una rottura di 1.1750 potrebbe un movimento verso 1.1920. In questo momento abbiamo supporto nell'area 1.1620 con una rottura sotto 1.1600 si potrebbe pensare ad un nuovo test dei minimi di maggio a 1.1510 / 20. Una rottura sotto 1.1500 ha il potenziale per aprire una mossa verso il livello 1.1360.

GBPUSD - ha trovato supporto la scorsa settimana sulla trendline dai minimi del 2017, con un rimbalzo dall'area di 1,3110 che ha evidenziato un key reversal sul grafico giornaliero. Dopo aver superato l'area 1.3210 / 20, ora dovremmo vedere un nuovo test dei massimi di questo mese a 1.3450. Una rottura sotto 1.3100 apre ad una potenziale mossa verso 1.2980.

EURGBP - ancora bloccato nel trading range con resistenza appena sopra la media mobile a 200 giorni nell'area 0,8820 / 30 con i minimi recenti a 0,8700 come prossimo supporto chiave. Un superamento di questa area apre le porte alla zona 0.8640.

USDJPY - inizia a sembrare un po' debole dopo aver superato i recenti massimi a 111,00. Abbiamo ancora un supporto sui minimi di 109,20 della scorsa settimana. Potremmo andare ancora più in basso se ci fosse una rottura sotto quest'area e testiamo nuovamente l'area 108.70. Finchè al di sotto di questi recenti massimi il rischio sembra essersi spostato verso il ribasso.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 26/06/2018

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei cfds">CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.