Stamattina i mercati asiatici hanno avuto una sessione molto positiva, in seguito a una palese prova in Europa del crescente ottimismo sui progressi nelle attuali discussioni commerciali tra negoziatori statunitensi e cinesi, dopo che la Cina si è offerta di ridurre le tariffe delle importazioni di auto al 15% dal 40%.

Un tono leggermente più conciliante da parte del presidente Trump ha anche aiutato quando ha suggerito che potrebbe intervenire nel caso della CFO di Huawei, Men Wanzhou, se potesse contribuire a smussare la strada verso una qualche forma di accordo. Mentre questo potrebbe essere interpretato come un intervento di apertura, non è immediatamente ovvio se il Presidente degli Stati Uniti sarebbe in grado di intervenire in quella che è essenzialmente un'indagine del Dipartimento di Giustizia in contrasto con le sanzioni iraniane. In ogni caso, i mercati europei hanno ripreso da dove avevano interrotto l'apertura di ieri, guidati dal settore delle materie prime di base.

Le azioni di Rolls Royce sono in testa al FTSE100 questa mattina dopo aver riportato i profitti per l'intero anno nella fascia alta della forchetta di riferimento della guidance, compresa tra 350 a 550 milioni di sterline. La società ha annunciato che prevede di consegnare 500 "large engines" ai propri clienti nel 2018, citando sfide nella catena di fornitura. La società ha anche annunciato di voler completare la cessione del segmento "marine" entro la fine del primo trimestre del 2019, con proventi tra 350 milioni di sterline a 400 milioni di sterline.

Sembra un'altra giornata difficile per i rivenditori al dettaglio nel Regno Unito, poiché le azioni Inditex, Superdry e Dixons Carphone sono crollate bruscamente nel corso dell'apertura delle contrattazioni.

Le azioni Inditex sono in ribasso oggi dopo aver registrato vendite deboli per il terzo trimestre, poiché il proprietario di Zara ha resistito alla pressione per ridurre i prezzi al fine di diminuire il proprio inventario. Ciò ha sollevato timori sul fatto che l'azienda possa avere difficoltà a raggiungere le previsioni di profitto per l'intero anno.

Le azioni di Superdry hanno già vissuto una giornata deludente ieri dopo una nota negativa da parte dei broker Berenberg, che ha declassato le stime per il 2019-2021 dicendo che la dipendenza dell'azienda dall'abbigliamento invernale e le scarse prestazioni di Primark sono di cattivo auspicio per un'azienda che ha già annunciato un profit warning quest'anno e per questo hanno declassato le aspettative di profitto di 10 milioni di pound. Dato che il prezzo delle azioni è già diminuito del 70% da inizio anno, le aspettative per il primo trimestre erano già estremamente basse, ma nonostante ciò la società ha mancato le previsioni. L'utile prima delle imposte per il primo semestre è stato di 12,9 milioni sterline, in calo del 49% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. I ricavi sono aumentati del 3,1% a 414,6 milioni di sterline, mentre la società ha mantenuto le prospettive di profitto per l'intero anno nella forchetta compresa tra 55 milioni e 70 milioni di sterline. La società ha anche annunciato un dividendo provvisorio di 9,3 pence per azione, un freddo conforto per i suoi azionisti che hanno visto grandi cali quest'anno, incolpando l'inizio più mite dell'inverno negli ultimi due mesi per la sottoperformance, sebbene la società abbia riportato buone vendite nella settimana del Black Friday.

Dixons Carphone ha anche riportato i suoi ultimi numeri per la prima parte dell'anno fiscale, con una perdita prima delle imposte di 440 milioni di pound dopo aver accantonato 500 milioni di pound per spese relative al suo business di telefonia mobile. La società ha anche dichiarato di prevedere ulteriori 100 milioni di sterline in costi eccezionali rispetto a una violazione dei dati. Tra l'altro, i ricavi sono aumentati del 2% mentre quelli anno si base omogenea hanno mostrato un miglioramento del 4%.

“Clowns to the left of me, jokers to the right, here I am stuck in the middle with you”.

"Clown a sinistra di me, jolly a destra, qui sono bloccato in mezzo con te".

Se mai una canzone o un testo avesse la capacità di rendere l'atmosfera dei nostri tempi, questa si adatta perfettamente allo stato attuale della politica del Regno Unito, poiché la maggior parte delle persone nel Regno Unito desidera una soluzione alla politica partigiana che si gioca su entrambi i lati della Camera dei Comuni rispetto alla Brexit. Mentre i politici di Westminster sembrano pensare che sia una qualche forma di gioco politico, lo stallo sta già cominciando a colpire la fiducia dei consumatori.

Oggi la saga della Brexit ha preso un'altra piega che potebbe essere definito come una forma di "ce la faranno o non ce la faranno", con i conservatori che hanno votato per forzare un voto di sfiducia al primo ministro Theresa May, senza citare un singolo candidato per sostituirla. Con la conferma che le 48 lettere necessarie sono finalmente arrivate, la sterlina ha toccato brevemente un nuovo minimo a 20 mesi contro il dollaro USA, mentre i mercati finanziari si sforzano di dare un senso a ciò che potrebbe accadere in seguito.

Si prevede che la votazione si svolgerà questa sera, tuttavia non è ancora chiaro se i ribelli abbiano i 158 voti necessari per istituire un sostituto. Ciò che è probabilmente più interessante è chi si oppone a lei. Se May dovesse aggiudicarsi il voto finale più tardi oggi, i ribelli del partito conservatore avranno sparato al loro piede.

In ogni caso, il voto di stasera non cambia l’opzione binaria che i parlamentari affrontano tra l'accordo ottenuto dalla May e qualsiasi altra alternativa e in un modo perverso il voto di stanotte può essere visto come una buona notizia che farà scoppiare un bubbone che è durato da qualche mese adesso.

L'inspiegabile incertezza politica potrebbe non essere così alta se avessimo comunque un'opposizione coerente, tuttavia, anche qui, purtroppo, questo non è il caso, il che non fa che aggravare i sentimenti di incertezza generali che affliggono le imprese in tutto il Regno Unito.

A dimostrazione  che i voti di "sfiducia" sono contagiosi, il Parlamento francese è anche pronto a discutere una mozione di fiducia domani.

I mercati statunitensi sembrano destinati a riprendersi dalle perdite serali e aprirsi in rialzo anche grazie all'ottimismo generato dalle sessioni asiatiche ed europee stamattina.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.