Una brusca inversione di tendenza dei mercati statunitensi ieri, che li ha visti chiudere in positivo, ha comportato un'apertura positiva per i mercati in Europa, nonostante le crescenti preoccupazioni per un peggioramento del rallentamento dell'economia globale, sulla scia dei deludenti dati commerciali cinesi di ieri.

Sembra anche che ci sia un certo ottimismo sul fatto che Stati Uniti e Cina potrebbero voler tenere separati i negoziati commerciali dall'incidente diplomatico generato dall'arresto del CFO di Huawei in Canada. Tutto ciò ha un senso, dato che ci sono stati disaccordi in passato, che non hanno impedito sviluppi nei negoziati commerciali e i problemi con ZTE sono un esempio calzante.

Anche i mercati asiatici hanno avuto una sessione incerta con il Nikkei 225 che ha ripreso ad avvicinarsi ai livelli minimi di quest'anno, che abbiamo visto in ottobre. I mercati cinesi sono andati un po' meglio con un risultati positivi a Shanghai e Hong Kong.

La sterlina ha avuto un altro giorno da dimenticare, scendendo ai livelli più bassi da aprile 2017 contro il dollaro USA, dal momento che il primo ministro Theresa May ha annullato il voto sull'accordo di ritiro dopo che è apparso chiaro che non avrebbe avuto i numeri per ottenere l'accettazione parlamentare da parte  nella Camera dei Comuni. Mentre torna a Bruxelles, è improbabile che riuscirà a a strappare nuove concessioni dall'UE e nonostante le affermazioni dell'opposizione secondo cui potrebbero ottenere un accordo migliore, l'UE lo ha escluso categoricamente.

A dimostrazione di quanto l'atmosfera sia febbrile nel parlamento del Regno Unito, quando il Primo Ministro ha chiesto se la camera volesse un accordo sulla Brexit, il coro dei "No" è stato piuttosto significativo.

Se ciò non bastasse, le acque intorno alla Brexit sono diventate più torbide dopo che la Corte di Giustizia Europea ha confermato il parere della settimana scorsa dell'avvocato generale secondo cui il Regno Unito può revocare unilateralmente la notifica dell'articolo 50, ma che deve farlo prima del 29 marzo 2019. Sembra dare un maggiore impulso a coloro che chiedono ciò che alcuni chiamano eufemisticamente un "People's Vote".

Per ora non sembra esserci una maggioranza nella Camera dei Comuni per questo, o qualsiasi altra cosa, compresa una molto propagandata piano B, un'opzione "norvegese".  Sentiamo molte dichiarazioni dai parlamentari sul fatto che non ci sia una maggioranza nella Camera dei Comuni per una "no-deal" Brexit , tuttavia sembra che non ci sia una maggioranza per impedirlo e questo può aiutare a spiegare perché la sterlina è scivolata bruscamente ieri.

Gli investitori sembrano ritenere che, alla luce di ciò che è sempre più percepito come un sistema politico disfunzionale, l'inerzia potrebbe portarci nel prossimo anno proprio ad un'uscita accidentale senza accordo. Questo scenario sembra essere parte del calcolo politico su alcune parti della Brexit che favoriscono alcuni fazioni del parlamento del Regno Unito, dove la mancanza di consenso lascia a noi la mancanza di tempo per fare qualcosa per prevenire la scadenza improrogabile dell'anno prossimo.

È forse questa consapevolezza che ha provocato la discesa della sterlina di ieri e potrebbe segnalare ulteriore debolezza nelle settimane a venire, mentre la sterlina torna ai minimi del 2016 appena sotto 1,2500 dollari.

Per quanto riguarda i dati, la crescita dei salari britannici è tornata ai massimi livelli dalla crisi finanziaria per i tre mesi fino a ottobre, arrivando al 3,3%, mentre la disoccupazione è rimasta stabile al 4,1%.

In quella che potrebbe essere una buona notizia per l'Italia e la sua battaglia con l'UE sul suo bilancio, il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato un piccolo regalo per gli elettori francesi nel tentativo di placare le proteste del "gilet jaunes". L'unico problema è che farà emergere n grosso buco nel bilancio francese generando un deficit pari al 3.5% del PIL.

Questo fatto non potrà essere ignorato da Bruxelles se sanzionassero l'Italia con un deficit ben al di sotto di quello. Il Natale potrebbe essere arrivato presto per i vicepresidenti italiano Matteo Salvini e Luigi di Maio mentre cercano di costringere l'UE a fare marcia indietro sull'attuazione di una procedura per i disavanzi eccessivi nei confronti del governo italiano.

Sul fronte societario, la società di noleggio di attrezzature internazionali Ashtead ha riportato questa mattina i risultati del primo semestre che hanno superato le aspettative. I ricavi si sono attestati a 2,07 miliardi di dollari, in crescita del 19%, mentre gli utili al lordo delle imposte del primo semestre si sono attestati a 633,4 milioni di dollari. La società ha continuato affermando che prevede risultati dell'intero anno superiori alle aspettative.

La difficoltà per le catene al dettaglio sembrano continuare con le azioni di Superdry che scendono questa mattina in vista dei dati per il primo semestre fiscale, che sono previsti per domani. Gli analisti di Berenberg hanno abbassato le loro stime per il 2019-2021 dicendo che la dipendenza della società dall'abbigliamento invernale e le scarse prestazioni di Primark sono  di cattivo auspicio per un'azienda che ha già emesso un profit warning quest'anno, quando ha abbassato le aspettative sugli utili di 10 milioni di sterline. Le azioni erano già in calo di oltre il 60% quest'anno, anche prima dei cali di oggi e i dati di domani potrebbero mettere sotto pressione il management.

I mercati statunitensi sembrano destinati ad aprirsi leggermente in ribasso a seguito del rimbalzo della scorsa notte, in attesa degli ultimi dati sull'inflazione dei prezzi alla produzione statunitensi, che dovrebbero frenare al 2,5% dal 2,9% in gran parte a causa delle recenti diminuzioni dei prezzi del petrolio.

 Il Dow Jones dovrebbe aprire con 10 punti in meno a 24.413 e lo S&P 500 dovrebbe aprire in ribasso di 1 punto a 2.636.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.