Nonostante le notizie arrivate in questi giorni sul tema Brexit, la sterlina non sembra risentire negativamente degli eventi.
Gli operatori restano positivi sul pound inglese, ignorando anche la notizia arrivata ieri sul nuovo passo falso della May in parlamento.
La sterlina da inizio anno ha guadagnato terreno sia nei confronti del dollaro americano che dell'euro.

La giornata di Venerdì prossimo (29 Marzo - scadenza della Brexit poi posticipata) sarà reso noto il dato sul PIL del Regno Unito.

Qui sotto possiamo notare come il trend euro sterlina sia sotto pressione, con la valuta britannica che con la sua forza sta portando il cross verso quota 0,84. In questo momento EUR/GBP quota 0,8562 , con un minimo toccato il 13 Marzi a 0,8471.
Per ritrovare sul grafico storico tali livelli dobbiamo andare indietro di quasi du anni, a Maggio 2017.

I prezzi si stanno muovendo all'interno del trend di breve periodo inziato ad inzio 2019 e ben descritto dal canale in rosso sul grafico a 4 ore qui sotto. Le medie mobili convergenti non danno molte informazioni in questo momento, mentre sia la struttura dei prezzi che l'RSI ben al di sotto dei 50 punti indica debolezza sulla sterlina.

Sul grafico sterlina dollaro il trend è invece rialzista, con la sterlina che sta portando il cross verso quota 1,34 , con il massimo di periodo dello scorso 13 Marzo a 1,3382.
Anche in questo caso abbiamo in trend ordinato ed evidenziato dal canale sul grafico a 4 ore (in verde)
L'RSI, stabile sopra i 50 punti, sostiene bene il trend positivo della sterlina.

Nonostante i due trend siano ben definiti e sostenuti dall'oscillatore RSI, visto il momento storico che sta attraversando la sterlina, raccomandiamo prudenza negli investimenti che coinvolgono la valuta britannica.