I mercati azionari europei hanno chiuso per lo più in rosso ieri dato che gli operatori hanno incassato i profitti.

Il FTSE 100 è stato trascinato al ribasso dalle azioni legate alle materie prime, ma vale la pena ricordare che la tendenza più generale resta ancora positiva.

Il DAX ha sovraperformato in Europa a causa di notizie aziendali positive per SAP e Wirecard.

Il settore bancario del Regno Unito sarà al centro dell'attenzione questa mattina, dato che Barclays pubblicherà oggi i dati del primo trimestre. La stagione delle trimestrali continua ad essere l'attrazione principale negli Stati Uniti e i principali indici hanno finito leggermente in rosso, ma alcune delle principali compagnie che hanno riportato il loro ultimi dati di ieri, hanno pubblicato i loro aggiornamenti trimestrali dopo la campana di chiusura.

Le azioni di Microsoft e Facebook hanno registrato un rally dopo che le società hanno annunciato i loro risultati, mentre le azioni di Tesla hanno registrato un calo. Di gran lunga, ieri, è stata una giornata positiva per i guadagni.

La sessione asiatica è stata contrastata dal momento che le azioni cinesi hanno perso terreno rispetto alle preoccupazioni che l'amministrazione di Pechino si concentrerà maggiormente sulle riforme strutturali e sarà meno disponibile con gli stimoli fiscali.

Le azioni giapponesi sono salite dopo che la Bank of Japan ha confermato che intendono mantenere la politica monetaria espansiva  nel breve termine.

Il petrolio ha goduto di un andamento positivo questa settimana a causa dei problemi di fornitura. Gli otto paesi che in precedenza erano autorizzati a importare petrolio dall'Iran senza il timore di sanzioni potrebbero essere al centro dell'attenzione, se il presidente Trump dovesse adempiere alla promessa di rimuovere le esenzioni.

Ieri, il report dell’ Energy Information Agency ha mostrato che le scorte di petrolio negli Stati Uniti sono aumentate di oltre 5,47 milioni di barili, mentre le scorte di benzina negli Stati Uniti sono diminuite di 2,1 milioni di barili. L'annuncio ha generato prese di profitto nel mercato petrolifero.

L'oro è riuscito a recuperare parte del terreno perso martedì, quando è sceso al livello più basso in quasi quattro mesi. La forza del biglietto verde sta pesando sul metallo e anche la volontà degli investitori di acquistare attività più rischiose come le azioni sta giocando un ruolo.

L'euro continua a scendere mentre i trader continuano a scaricare la moneta unica, a causa del malessere economico della regione. Nelle ultime settimane e mesi, i paesi europei hanno pubblicato indicatori economici deludenti e la Banca centrale europea si è impegnata a lanciare un altro programma di liquidità mirato a settembre e, dato il modo in cui stanno andando le cose, sarà necessario un programma aggressivo.

Il tasso di disoccupazione spagnolo verrà rilasciato alle 9:00 e il tasso dovrebbe attestarsi al 14,38%, tenendo  presente che il dato precedente è stato del  14,45%.

Alle 12:00  la Confederazione  dell'industria britannica pubblicherà  le aspettative degli ordini industriali e gli operatori si attendono una lettura di 3, che sarebbe un leggero aumento rispetto alla lettura di marzo di 1.

Alle 14.30 le vendite di beni durevoli degli Stati Uniti saranno annunciati  e la stima di consenso è per un aumento dello 0,8%, che rappresenterebbe un notevole miglioramento rispetto al calo del -1,6% registrato a febbraio. Allo stesso tempo, il rapporto sulle richieste di sussidio di disoccupazione  sarà rivelato e gli operatori anticipano 200.000 nuove richieste e vale la pena notare che la lettura della settimana scorsa di 192.000 è stata al minimo degli ultimi 50 anni.

EUR/USD - ha spinto ampiamente verso il basso dall'inizio di gennaio, e se il trend negativo continuasse, potrebbe ritestare l'area 1.1176. La resistenza potrebbe essere trovata a 1.1448.

GBPUSD- ha spinto al rialzo  dall'inizio di dicembre e se si mantenesse al di sopra della media mobile a 200 giorni a 1,2972, potrebbe ritestare l'area di 1,3380. L'area di 1.2775 potrebbe fungere da supporto.

EUR/GBP - finché resta  al di sotto della media mobile a 200 giorni a 0,8822, il suo outlook probabilmente resterà  negativo. L'area di 0.8471 potrebbe fungere da supporto. Un rally  potrebbe incontrare resistenza a 0.8800.

USD/JPY - è stato per lo più  spinto più al rialzo  per tutto il 2019 e una rottura sopra l'area 112.00 potrebbe portare in gioco 113,70. L'area di 111,13, corrispondente alla media mobile a 50 giorni, potrebbe fornire supporto.

Fonte : CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 24/04/2019

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.