A dicembre valuteremo le diverse opzioni che consentirebbero di mantenere un livello elevato di accomodamento necessario a garantire una convergenza sostenibile dell'inflazione verso il target al o poco sotto il 2%". Lo ha ribadito il presidente della Bce, Mario Draghi, di fronte al Parlamento europeo. Sono infiniti i meeeting (l'ultimo di dieci ore, appena terminato) fra i Paesi dell'Opec per capire se si riesce a porre un tetto alla produzione di petrolio. Obiettivo dal quale intanto si stanno allontanando i maggiori produttori, compresa la Russia, invitata speciale extra cartello all'incontro ufficiale di Vienna di mercoledì 30 novembre. Ma Mosca già venerdì scorso si era chiamata fuori facendo infuriare l'Arabia Saudita. Il barile americano (Wti) nel frattempo cala di quasi un punto percentuale a 45,65 dollari. Ieri, intanto, gli Usa sono diventati per la prima volta nella storia esportatori netti di greggio. Intanto oggi il cambio euro-dollaro si porta a 1,0611, mentre dollaro-sterlina a 1,2412, fermo l'oro a 1.193 dollari per oncia.