La Fed nella riunione di ieri ha mantenuto fede alle attese degli operatori di mercato e ha deciso di mantenere invariati i tassi d’interesse. Più importante per il mercato è stato il contenuto del comunicato stampa rilasciato a margine della riunione, da cui sono emersi alcuni dettagli significativi sull’orientamento delle prossime mosse del Fomc.

In particolare la diminuzione del bilancio della Fed inizierà “relativamente presto”, indizio che potrebbe far pensare che già da settembre potrebbe iniziare la graduale dismissione dell’imponente portafoglio obbligazionarie detenuto dalla banca centrale americana. D’altro canto nel comunicato vene anche sottolineato come l’inflazione abbia rallentato allontanandosi dal target prefissato del 2% annuo. Particolarmente significativo il fatto che nel comunicato sia stato rimosso l’avverbio “recently”, in merito  al rallentamento dell’inflazione, omissione che è stata interpretata come un possibile allarme in merito al fatto che questa situazione non sia di considerare come temporanea. Al momento il prossimo aumento dei tassi è atteso dal mercato con una probabilità del 50% per la riunione di dicembre.

Mentre gli indici azionari americani continuano ad aggiornare i massimi storici, spinti al rialzo da una stagione delle trimestrali incoraggiante, il dollaro sta perdendo quota contro le principali valute majors. In particolare l’euro ha toccato un nuovo massimo contro il dollaro a 1.7787, mentre dollaro australiano e dollaro neozelandese hanno raggiunto il massimo degli ultimi 26 mesi.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation Performance nette al 27/07/2017

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.