Europa

Le azioni sono in rosso mentre gli investitori sono preoccupati per il deficit di bilancio proposto dall'Italia,mentre anche l'aumento dei rendimenti dei titoli di stato USA sta pesando sul sentiment. Il ministro delle finanze italiano, Giovanni Tria, ha ancora intenzione di gestire un deficit di bilancio del 2,4%, nonostante il rifiuto di Bruxelles. L'aumento degli oneri finanziari per il governo italiano sta giocando sulle menti dei trader e cresce il timore di poterci dirigere verso un'altra tornata della crisi del debito dell'eurozona. Il rally dei rendimenti dei titoli di stato statunitensi ha spaventato gli trader in quanto suggerisce che i grandi investitori stanno prendendo in considerazione ulteriori rialzi dei tassi d'interesse dalla Federal Reserve, e questo va ad aggiungersi al sentiment ribassista.

Le azioni di Greggs sono in territorio positivo dopo che la società ha rivelato robusti dati per il terzo trimestre, ma il tasso di crescita è stato inferiore anno su anno. Le vendite del periodo sono aumentate del 7,3%, rispetto all'8,6% dello scorso anno. Le vendite prendendo in considerazione una base omogenea di punti vendita sono aumentate del 3,2%, mentre la stessa percentuale ha registrato una crescita del 5% lo scorso anno. Greggs sta chiudendo i negozi con prestazioni insoddisfacenti, ma molti nuovi negozi sono stati aperti. Il gruppo ha confermato l'outlook per l'intero anno. Il prezzo delle azioni ha perso terreno negli ultimi 10 mesi e finchè rimarrà al di sotto del valore di 1,100 pence, le sue prospettive potrebbero rimanere negative.

Ferrexpo ha confermato che la produzione del terzo trimestre è balzata del 6,2% e la produzione da inizio anno è aumentata dell'1,3%. La spinta rialzista nel mercato del ferro ha sostenuto anche l'azienda. Il prezzo delle azioni si è ripreso da settembre e, se superasse la media mobile a 200 giorni a 229 pence, potrebbe raggiungere il valore di 240 pence.

Stati Uniti

Le azioni hanno aperto al ribasso, ma hanno recuperato parte del terreno perso. Il rendimento dei titoli di Stato decennali ha toccato il 3,25% - il livello più alto dal 2011. Gli investitori temono che la Federal Reserve continui il proprio percorso di aumento dei tassi di interesse e che le azioni vengano abbandonate. Per quasi una settimana, le azioni americane hanno perso terreno e l'aumento dei rendimenti dei titoli di stato USA è stato il fattore trainante. Aggiungiamo a questo che il rialzo nei rendimenti non sta mostrando alcun segno di rallentamento, quindi potremmo vedere un'ulteriore pressione sull'azionario.

Il FMI ha tagliato le previsiono di crescita globale per quest'anno e il prossimo anno al 3,7%. L'organizzazione ha citato il deterioramento dei rapporti commerciali per la revisione. Gli Stati Uniti hanno recentemente concluso un nuovo accordo commerciale con il Messico e il Canada, ma la trattativa con la Cina è ancora in corso e Trump potrebbe fare pressione anche sull'UE.

Forex

Il dollaro USA continua a spingere al rialzo in quanto gli investitori ritengono che la banca centrale statunitense potrebbe aumentare i tassi altre quattro volte nei prossimi 12 mesi. Il rapporto sull'occupazione di venerdì scorso è stato constrastato, ma in generale i dati economici sono stati positivi e ciò sta alimentando l'acquisto del biglietto verde.

EUR/USD è in rosso a causa del dollaro USA più forte. L'incertezza che circonda la proposta di politica fiscale dell'Italia è un altro fattore di debolezza dell'euro. La Germania ha rilasciato cifre impressionanti sulla bilancia commerciale, un calo delle importazioni e un calo marginale delle esportazioni portano a un balzo del 15% del surplus commerciale. Il rapporto potrebbe far arrabbiare il presidente Trump dato che è desideroso di riequilibrare le relazioni commerciali tra gli Stati Uniti e l'UE.

GBP / USD è in ribasso a causa del rally del dollaro statunitense all'inizio della sessione, ma da allora è rimbalzata. Ben Broadbent, il vice governatore della Banca d'Inghilterra, ha annunciato che l'indice dei prezzi al consumo è un indicatore migliore dell'inflazione rispetto all'RPI. L'incertezza relariva alla Brexit si dipana sullo sfondo, sfondo che appare ancora insidioso per Theresa May dato che è stato riferito che "almeno 40" parlamentari conservatori voteranno contro il suo piano di Checkers. I Troy sono sostenuti dal DUP, e Arlene Foster, il leader del partito, ha ribadito la sua opinione che non ci dovrebbero essere barriere doganali tra l'Irlanda del Nord e la Gran Bretagna. È probabile che la sterlina resti debole fino al raggiungimento di un accordo sulla Brexit.

Materie Prime

L'oro è di nuovo inferiore poiché l'aumento del dollaro USA ha zavorrato il metallo prezioso. La relazione inversa dell'oro con il biglietto verde continua ad essere forte. Oggi è la prova aggiuntiva che l'oro non beneficia più del movimento da flight to quality, dato che pur essendo le azioni in ribasso, e lo è anche l'oro.

Il petrolio è in rialzo perché le esportazioni in calo dall'Iran e la parziale chiusura delle estrazioni nel Golfo del Messico stanno facendo salire i prezzi. Le sanzioni americane contro l'Iran sono in arrivo e le esportazioni di petrolio dell'Iran sono già diminuite ulteriormente all'inizio di ottobre. Circa il 20% della produzione di petrolio nel Golfo del Messico è stata bloccata con l'avvicinarsi dell'uragano Michael.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei  CFD e del Forex alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance