I mercati statunitensi hanno chiuso su un nuovo massimo di cinque mesi sulla scia alla piega inaspettatamente accomodante di questa settimana dalla Federal Reserve americana, che ha escluso la prospettiva di ulteriori rialzi dei tassi quest'anno.

I titoli tecnologici hanno guidato i rialzi, visto che Apple è salita, superando la sua media mobile giornaliera a 200 giorni per la prima volta da novembre, in vista dell'attesissimo evento mediatico della prossima settimana.

Il successo del lancio dell'IPO di Levi Strauss ha anche dato un contributo al tono positivo della seduta, chiudendo con un rialzo vicino al 32% nel primo giorno di negoziazione.

Gli indici asiatici invece sono scesi appesantiti dalle continue incertezze riguardo alla prossima mossa che verrà fatta nella partita tra Stati Uniti e Cina e queste incertezze sembrano destinate a condurci verso un'apertura europea incerta.

La sterlina è finita ieri sull' ottovolante e a un certo punto ha perso oltre l'1% contro il dollaro, mentre gli operatori si preoccupavano per la prospettiva che ad una settimana da oggi il Regno Unito possa lasciare l'UE senza un accordo. Con scarsi segnali di possibili compromessi da entrambe le parti e con la riunione del Consiglio Europeo per cercare di aprire opzioni per soddisfare il desiderio del Regno Unito di estendere l'articolo 50 che sembra piuttosto limitata, la sterlina è scesa fino a un minimo di quattro settimane contro l'euro, prima di rimbalzare , sulla scia degli eventi della notte scorsa a Bruxelles.

C'è stata una certa preoccupazione che stia per scadere il tempo nel calendario per promulgare la legislazione necessaria  ed ottenere una proroga approvata nel tempo a disposizione, con alcuni che dicono che ogni strumento statutario debba essere presentato lunedì per assicurarsi di ricevere il necessario assenso reale in tempo. Ci sono tuttavia opinioni contrastanti sulla tempistica di questa particolare procedura.

Inizialmente l'UE aveva intenzione di offrire un'estensione all'articolo 50 fino al 22 maggio se il Primo Ministro fosse riuscito a ottenere l'approvazione del suo accordo nella Camera dei Comuni al terzo tentativo, altrimenti si sarebbe andati verso un "no-deal". Dopo il tentativo maldestro di Theresa May, comprensibile da un certo punto di vista, di scaricare la responsabilità dell'accordo sui parlamentari, è altamente improbabile che ciò accada, anzi probabilmente subirà una sconfitta più larga, con un distacco superiore ai 149 voti del secondo turno di votazioni.

Ciò significa che l'UE avrà bisogno di un piano B per acquistare più tempo per raggiungere un risultato diverso da un no-deal, mentre i parlamentari di Westminster hanno bisogno di cooperare insieme.

Il piano B concordato ha aggiunto l'opzione di un'estensione più breve al 12 aprile se l'accordo fosse respinto, il che sembra verosimile. Ciò consentirebbe, in teoria, al Parlamento, di esplorare opzioni alternative, compresa la possibilità di rimuovere Theresa May come primo ministro, dato che sembra sempre più isolata.

Due settimane fa, i parlamentari hanno votato in modo non vincolante per evitare che il Regno Unito lasci l'UE senza un accordo, eppure siamo qui a una settimana di distanza e questo è esattamente il punto verso cui stiamo andando. Con il compromesso della scorsa notte, i parlamentari dovrebbero essere in grado di modificare codice legislativo per modificare la data di uscita del Regno Unito, anche se si si tratterebbe di un'uscita posticipata.

Dopo aver rallentato per oltre un anno, le economie francese e tedesca hanno mostrato alcuni segnali il mese scorso di una possibile inversione di tendenza in alcuni dei più recenti dati PMI, nonostante l'incombente prospettiva di un "no deal" Brexit . Il miglioramento è stato piuttosto incerto con i dati dei servizi francesi che rimangono deboli, mentre il settore manifatturiero è migliorato. In Germania si è verificato l'opposto con l'attività manifatturiera che è scivolata bruscamente, mentre il settore dei servizi ha dato segni di miglioramento.

Questa mattina avremo un'istantanea sul fatto che potremmo essere in procinto per assistere ad un possibile aumento dopo mesi di declino, anche se qualsiasi miglioramento potrebbe essere discutibile se non vi fosse alcun segno che l'UE e il Regno Unito prevengano quello che potrebbe essere uno shock economico significativo a una settimana da oggi, sotto forma di una "no deal" Brexit.

Nonostante le spacconate e le chiacchiere dal Consiglio UE nel corso delle ultime 24 ore, è una finzione che in qualche modo una parte o l'altra abbia il sopravvento, sebbene almeno l'UE mostri più senso di unità rispetto alla disfunzione politica dimostrata qui in il Regno Unito.

Si prevede che il PMI dei servizi flash francesi per marzo migliorerà leggermente a 50,6, a partire da 50,2, ma con le proteste di jaune a gilets che continuano a perturbare Parigi su base settimanale, l'attività potrebbe rimanere in sordina per qualche tempo. Le aspettative per il PMI manifatturiero sono per 51.4, un leggero rallentamento da 51.5. In Germania la produzione dovrebbe migliorare da un minimo di 6 anni a 47,6 a 48, sebbene i servizi continuino a rimanere stabili a 55 anni.

L'economia canadese sembra essersi arenata negli ultimi due mesi, spingendo così la Banca del Canada ad adottare un tono molto più accomodante nella sua riunione sui tassi più recente, quando ha rimosso il riferimento al fatto che i tassi potrebbero dover aumentare ulteriormente nel tempo. Le prospettive di inflazione hanno continuato a non mostrare segni di ripresa mentre la spesa dei consumatori è rimasta in sordina con le vendite al dettaglio in calo per due mesi consecutivi. L'inflazione odierna e le cifre di vendita al dettaglio di febbraio potrebbero rafforzare questa prospettiva debole, anche se dopo diversi mesi di calo, siamo in attesa da tempo per una ripresa della spesa dei consumatori, con un incremento dello 0,4% previsto nelle vendite al dettaglio.

EURUSD - dopo aver fallito il test in area 1.1450 siamo scivolati indietro sotto 1.1400 trovando un po' di supporto nell'area 1.1340. Questo tentativo mancato avvenuto al di sotto della MA a 200 giorni potrebbe comportare ulteriore debolezza a breve termine con una rottura al di sotto di 1.1320, che potrebbe spingere per un ritorno all'1.1270.

GBPUSD - ha continuato a scendere ieri scivolando sotto trendline dai minimi di dicembre a 1,2430, prima di trovare supporto nell'area 1,3000, che è dove abbiamo anche la media mobile a 200 giorni. Finchè resta al di sopra di questo supporto chiave, permane intatto il potenziale per un ritorno ai massimi di questa settimana. Sotto 1,3000 si apre la strada verso l'area di 1,2800.

EURGBP: è tornata fino a 0.8720 ieri prima di scivolare verso la zona di 0.8670. Finchè questo livello funge da supporto, è possibile un nuovo test dei massimi. Una mossa al di sotto di 0.8660 riaprirebbe  la strada verso il livello di 0.8620.

USDJPY - ha trovato supporto appena sopra il livello 110.20 ieri. Abbiamo bisogno di un recupero al di sopra del livello 111.20 per discutere di un ritorno all'area 112.00. Sotto 110,20 resta la possibilità di un ritorno verso 109,80.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 22/03/2019

--------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.