La Bank of England non delude i mercati e come da attese abbassa il tasso di riferimento di un quarto di punto percentuale e annuncia un allargamento del piano di quantitative easing per 60 miliardi di sterline e ha lanciato due nuovi piani di stimolo: uno prevede l’acquisto di 10 miliardi di sterline di corporate bond ad alta qualità e un altro che potrebbe raggiungere i 100 miliardi di sterline a garanzia del credito bancario. Sono state riviste al ribasso le stime di crescita del Pil per il 2017 e il 2018, portandole per l’anno prossimo da un + 2.3% a un + 0.8%. Nel suo discorso Carney è stato piuttosto freddo in merito alla possibilità di adottare politiche di tassi d’interesse negativi, visti anche i risultati non molto incoraggianti che sono stati conseguiti nell’Eurozona e in Giappone. Secondo Carney "L'acquisto di 10 miliardi di sterline di corporate bond sosterrà l'economia reale influenzando direttamente le condizioni finanziarie per le imprese che danno un contributo materiale all'attività economica nel Regno Unito" Immediata è stata la reazione dei mercati è stata immediata con la sterlina che ha perso terreno nei confronti delle principali valute, mentre l’indice inglese è salito prepotentemente avvicinando i massimi del 2016. Prevista per oggi alle 14.30 la consueta pubblicazione mensile relativa ai non farm payroll. Il dato atteso è di 180000 nuovi posti di lavoro, in linea con la media da inizio anno, dopo due letture piuttosto sorprendenti sia in senso positivo che negativo a cui abbiamo assistito a giugno e a luglio. Al momento sembra improbabile un intervento da parte della Fed già nel mese di settembre, visto che le probabilità di un rialzo implicite nei rendimenti dei Fed Funds sono del 12%. ------------------------------------------------------------------------------------------------ Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.