La banca centrale cinese ha annunciato inaspettatamente un taglio ai requisti di riserva obbligatori (RRR) per le banche di 50 punti base, nel tentativo di attutire i rischi al ribasso del rallentamento economico causato all'aumento delle tensioni commerciali.

Questa misura sbloccherà fino a 108 miliardi di dollari di liquidità nell'economia, in particolare per quelle società più piccole che hanno un accesso più scarso all'offerta di credito. Questa mossa arriva dopo il crash nel mercato azionario cinese la scorsa settimana a seguito di crescenti dispute commerciali con Washington.

I futures asiatici suggeriscono un'apertura incerta oggi. La coppia USD/JPY scende al di sotto dell'area 109,62 e i futures azionari statunitensi sono in calo, suggerendo che il mercato è ancora molto preoccupato per le prospettive economiche nonostante l'allentamento di PBoC durante il weekend.

I buoni dati PMI hanno comportato euro e mercati del vecchio continente in rialzo.

La coppia EUR / USD è rimbalzata venerdì a 1.166, sostenuta da dati di produzione di giugno migliori delle attese dalle maggiori economie della zona euro. L'appetito al rischio è migliorato sui mercati azionari grazie ai dati macro, e le tensioni di una nuova guerra commerciale si sono attenuati con Cina e gli Stati Uniti che tentano di riavviare i negoziati commerciali prima che le tariffe del presidente Trump entrassero in vigore all'inizio del mese prossimo.

I prezzi del petrolio greggio hanno aperto in ribasso questa mattina, riducendo i guadagni derivanti dalla notizia della settimana scorsa secondo la quale i paesi OPEC hanno raggiunto un accordo preliminare per aumentare la produzione di 1 milione di barili al giorno. In questo modo è stata rimossa l'incertezza sul modo in cui le cose si stessero evolvendo tra i maggiori produttori mondiali di petrolio. Tecnicamente, tuttavia, la tendenza al ribasso dei prezzi del petrolio greggio rimane intatta. Come mostrato nel grafico qui sotto, il SuperTrend del Brent (10,2) e la media mobile a 10 giorni sono entrambi inclinati verso il basso, suggerendo ulteriori ribassi nei giorni a venire a meno che questi due indicatori non si invertano.

Il Dollar Index è sceso dal suo massimo da 12 mesi, alimentando un rimbalzo dei prezzi dei metalli e delle valute legate alle materie prime come AUD e CAD.

A Singapore, lo Straits Time Index ha rotto un importante livello di supporto di 3.300 e chiuso venerdì alle 3.290. Il prossimo livello di supporto importante potrebbe essere trovato nell'area di 3.200. I titoli del settore telecomunicazioni quotati a Singapore hanno sofferto per il pesante selloff del debutto del quarto player del settore dell'isola MyRepublic.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 25/06/2018

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei cfds">CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.