Mercati azionari in decisa ascesa nella giornata di oggi, con tutti gli indici europei che hanno aggiornato i massimi di periodo dopo il referendum post Brexit, con il Dax che è entrato ufficialmente in una fase rialzista dopo una serie di trimestrali che hanno battuto le attese degli analisti. In risalita anche l’indice inglese dopo che la Bank of England nella passata settimana si è dimostrata pronta ad abbassare i tassi e aumentare il volume degli acquisti mensili, coinvolgendo anche i titoli corporate. Dal punto di vista tecnico è da segnalare come il Dax ha quasi colmato del tutto il gap che è stato aperto nella prima seduta dell’anno. Particolarmente significativa è stata la rottura della resistenza posta in area 10500 punti che era stata in precedenza testata altre due volte. Particolarmente performanti i titoli petroliferi, visto anche il recupero di Brent e Wti nelle ultime sedute, soprattutto dopo la diffusione di voci secondo le quali alla fine del mese di settembre si terrà una riunione straordinaria dell'Opec. Dal punto di visto grafico possiamo vedere sul grafico orario una chiara figura di doppio minimo accompagnata da una divergenza rialzista intorno ad area 40$. Figura del tutto analoga sembra al momento svilupparsi intorno ad area 43$. ------------------------------------------------------------------------------------------------ Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.