In assenza degli Stati Uniti, i mercati in Europa hanno avuto ieri a una sessione piuttosto calma e incerta, con il DAX che è stato messo sotto pressione dal debole andamento del settore auto in quanto gli investitori stanno aspettando i prossimi sviluppi nella posizione negoziale degli Stati Uniti in merito ai futuri rapporti commerciali con l'UE e la Cina.

Il FTSE100 è andato leggermente meglio sulla scia di una sterlina più debole e una performance forte da parte delle banche e del settore petrolifero e del gas. La difficile giornata della sterlina è stata il risultato del commento del negoziatore capo dell'Unione Europea Michel Barnier che si è opposto ii piani per la Brexit del Primo ministro May. Mettendo da parte il fatto che non è l'unico, non si è trattato di una rivelazione particolarmente sorprendente dato che il piano è morto come il proverbiale dodo da un po' di tempo ormai. In ogni caso, l'intervento di Barnier ha definito il tono iniziale di questa settimana, in contrasto con il tono più positivo della scorsa, secondo il quale un accordo commerciale su misura potrebbe essere fatto.

Un indice PMI manifatturiero deludente per agosto non ha aiutato, poiché l'attività economica ha toccato un minimo di 25 mesi a 52,8, con la stasi delle vacanze estive che sembra pesare sulla produzione. I nuovi ordini all'esportazione, in particolare, sono stati deludenti, nonostante il recente indebolimento della sterlina, sebbene parte di ciò potrebbe essere conseguenza di un'attività economica globale più debole, piuttosto che alla solita scusa legata all'incertezza della Brexit .Anche il dato relativo al PMI delle costruzioni di oggi per agosto potrebbe leggermente attenuarsi, con l’aspettativa di qualche debolezza estiva. Si prevede una modesta caduta a 54,9 dopo il grande balzo  a 55,8 che abbiamo visto a luglio, anche se potremmo assistere a un calo più consistente, in particolare se le vacanze scolastiche richiedessero una pausa in alcuni progetti a lungo termine.

L'obiettivo principale oggi sarà probabilmente l'ultimo incontro del Treasury Select Committee sulla scia del rialzo dei tassi della Banca d'Inghilterra del mese scorso e del rapporto sull'inflazione. In circostanze normali, l'attenzione sarebbe sul ragionamento del comitato di politica monetaria alla base della loro decisione di alzare i tassi di interesse il mese scorso in un momento in cui è probabile che l'incertezza sulla Brexit aumenti. Sfortunatamente, la maggior parte dell'attenzione sarà probabilmente incentrata sulla speculazione circa la possibilità che Mark Carney estenda il suo mandato come governatore della Banca d'Inghilterra oltre l'estate del prossimo anno. Avendo già attraversato questo processo una volta un anno fa, sembra che siamo pronti a ripercorrere tutto da capo mentre le speculazioni continuano a proposito della permanenza o meno di Carney per un altro anno .

Questa procrastinazione attorno a uno dei più importanti appuntamenti politici del Regno Unito non è solo sgradita, ma sembra essere indicativa dello stile di gestione dell'amministrazione di Carney alla banca centrale, caratterizzata da continui ribaltamenti delle proprie azioni rispetto alle aspettative, cosa che ha conferito al governatore il titolo di "fidanzato inaffidabile".

Ora, come per la politica monetaria, sembra che stiamo seguendo la stessa strada rispetto alla leadership della banca centrale, in un momento in cui più che mai il Regno Unito ha bisogno di certezza su chi supervisionerà la politica monetaria nel prossimo decennio. Si spera  che i deputati del Parlamento definiscano il futuro del governatore della Banca d'Inghilterra, così come ogni piano di successione. L'attuale speculazione non è solo sgradita, ma si rivela anche incredibilmente auto-indulgente in un momento in cui investitori e mercati finanziari vogliono essere sicuri che, in assenza di una leadership politica, avremo ancora un paio di mani sicure a guidare la Banca di Inghilterra. L'apparente equivoco di Carney non è particolarmente utile questa volta, tanto più che ogni nuovo processo di nomina dovrebbe essere ben avviato a questo punto, in modo che i mercati abbiano un'idea chiara di chi potrebbe subentrare.

Anche i mercati statunitensi torneranno dal lungo weekend del Labor Day dopo una buona performance di agosto, dovendo digerire la possibilità che un accordo NAFTA potrebbe essere più lontano di quanto non fosse alla fine della scorsa settimana.

I commenti del weekend del presidente Trump sembrano dare l'impressione che non sia particolarmente interessato ad arrivare ad un accordo con il Canada. Ciò solleva la prospettiva che l'ottimismo che ha contribuito a guidare i guadagni della settimana scorsa potrebbe benissimo iniziare a scomparire immagino modo del tutto analogo al modo in cui le preoccupazioni per il commercio hanno pesato sui mercati europei e asiatici nelle ultime settimane.

EURUSD: il livello di 1,1750 ha dimostrato ancora una volta di essere un ostacolo significativo per ulteriori guadagni la settimana scorsa, in quanto l'euro è tornato indietro dai livelli che hanno definito il massimo di inizio luglio. Questo fallimento potrebbe comportare  una mossa verso l'area 1.1500, ora che siamo scivolati sotto l'area 1.1620.

GBPUSD - Il rimbalzo della scorsa settimana ha visto un allontanamento  dalla media mobile a 50 giorni a 1.3045. Questa mossa ci ha riportato al livello di 1,2850 che ha mantenuto per ora. Al di sotto di 1,2850 si rimette nel mirino l'area da 1,2770. Abbiamo bisogno di tornare indietro sopra 1,2930 per ripensare ad un ritorno verso  l'area 1.3070.

EURGBP: dopo aver toccato il massimo dell'ultimo  anno la scorsa settimana, appena sotto 0,9100, abbiamo assistito a un brusco pullback con un kley reversal sul grafico giornaliero e sul settimanale, che suggerisce il potenziale per ulteriori perdite verso 0,8920 e i minimi di luglio a 0,8860 / 70, finché resta al di sotto dell'area 0.9040.

USDJPY - la scorsa settimana ha mancato di poco l'area di 112,00 , mantenendo il dollaro USA in un range. Un movimento ribassista ha supporto nell'area di  110.60. Il supporto principale risiede sulla media mobile a 200 giorni a 109,80.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 04/09/2018

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei  CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.