Gli indici europei  sono saliti ieri dal momento che le speranze di un accordo commerciale tra Cina e Stati Uniti sembrano alte.

Il presidente Trump ha detto che la scadenza di marzo non è una "data magica", generando tra gli operatori la speranza  che la data sia rimandabile e dando l'impressione di essere aperto al compromesso.

Il DAX ha raggiunto un nuovo massimo da tre mesi e il CAC 40 ha raggiunto il massimo di quattro mesi.

I verbali della Federal Reserve sono stati pubblicati la scorsa notte e si è sparsa l'impressione che i tassi di interesse rimarranno in sospeso per i prossimi mesi. La Fed ha espresso l'intenzione stoppare la riduzione del bilancio quest'anno e la mossa è stata chiaramente segnalata al mercato in anticipo. I responsabili di politica monetaria sono preoccupati per il rallentamento economico in Cina e in Europa.

Il Dow Jones e lo S&P 500 hanno registrato piccoli rialzi ieri sera. I titoli asiatici hanno registrato un rialzo durante la notte poiché è stato riferito che negoziatori commerciali statunitensi e cinesi stanno elaborando un accordo che porrà fine alla guerra commerciale.

Si sono verificate ulteriori fratture politiche nel Regno Unito ieri, quando tre parlamentari conservatori si sono dimessi e si sono uniti al gruppo indipendente. La sterlina ha perso terreno nel corso della giornata, ma le perdite sono state recuperate. In termini numerici, non è stato un duro colpo per Theresa May, ma ha un certo valore simbolico.

La corsa positiva dell'oro è continuata dal momento che il metallo prezioso ha toccato un livello che non si vedeva da aprile. L'oro ha spinto al rialzo  da metà novembre e ora che la Federal Reserve non sembra avere alcuna fretta di aumentare i tassi breve, il trend al rialzo delle materie prime potrebbe continuare.

Il petrolio ha avuto una sessione volatile ieri. L'Energy Information Administration (EIA) ha previsto che la produzione di scisti statunitensi aumenterà a 8,4 milioni di barili al giorno il mese prossimo. Ciò è stato bilanciato dall'annuncio da parte della Nigeria sulla propria disponibilità a ridurre la produzione di petrolio al fine di stabilizzare i prezzi. La scorsa notte il report dell'American Petroleum Institute ha mostrato che le scorte erano aumentate di 1,3 milioni di barili. Alle 17:00 di oggi, l'EIA pubblicherà  l'ultimo dato sulle scorte e la stima di consenso è per un aumento  di 3,1 milioni di barili.

Ci sarà una serie  di dati della zona euro in uscita oggi. I dati sull'inflazione tedeschi e francesi saranno annunciati alle 9:00 e alle 8.45 rispettivamente, e gli economisti si attendono un tasso di crescita dei prezzi al consumo all'1.7% e all'1.4%. Gli aggiornamenti ci forniranno una buona indicazione  della domanda nelle due maggiori economie dell'unione monetaria.

I PMI francesi su produzione e servizi saranno annunciate alle 9.15, con i gli operatori si attendono rispettivamente 51 e 48 7. Il rapporto PMI manifatturiero e servizi tedesco sarà rivelato alle 9.30 e gli economisti prevedono rispettivamente il 49.7 e il 52.9. L'economia tedesca ha di poco evitato la recessione alla fine del 2018 e quest'anno non ha avuto un ottimo inizio, quindi i commercianti saranno desiderosi di scoprire come si sta comportando la potenza dell'Europa.

La scorsa settimana, abbiamo sentito che la Banca Centrale Europea potrebbe essere aperta  all'idea di  immettere  liquidità mirata aggiuntiva, quindi alcuni trader potrebbero considerare le notizie economiche negative come positive per le azioni, in quanto la banca centrale potrebbe essere più incline a intervenire.

Il rapporto sull'indebitamento netto del settore pubblico nel Regno Unito sarà annunciato alle 10.30  e il consensus stima un surplus di 11.1 miliardi di sterline a gennaio.

Anche negli Stati Uniti ci saranno una serie di dati alle 14.30. Si prevede che le richieste di sussidi di disoccupazione saranno 229.000, la vendita di beni durevoli dovrebbe aumentare di un tasso inferiore dell'1,5% e l'indice di attività della Fed di Philadelphia è previsto essere 14. I rapporti PMI manifatturieri e dei servizi statunitensi saranno rivelati alle 15:45, e i gli operatori  si aspettano 54.7 e 54.3 rispettivamente. Alle 16:00, verrà annunciato il rapporto sulle vendite di case esistenti e gli economisti prevedono un aumento dello 0,8%.

EUR/USD - ha ampiamente spinto al ribasso  dall'inizio di gennaio, e se la mossa negativa continuasse, potrebbe ritestare l'area 1.1216. La resistenza potrebbe essere trovata a 1.1400 o 1.1500.

GBP/USD - ha spinto verso il basso da fine gennaio e se si mantenesse al di sotto della media mobile a 200 giorni a 1,3000, la mossa ribassista dovrebbe continuare. L'area 1.2710 potrebbe fungere da supporto. Un rally potrebbe imbattersi in resistenza a 1.3200. 

EUR/GBP - è rimbalzata dalla fine di gennaio, e una rottura al di sopra della media mobile a 200 giorni a 0,8863 potrebbe portare a 0,9000. Se il mercato si girasse, potrebbe ritestare l'area 0.8620.

USD/JPY - è in rialzo da inizio gennaio,e se la mossa rialzista continuasse potrebbe mirare all'area 112.00. Una rottura al di sotto di 109,50 potrebbe portare a 108,50.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 21/02/2019

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei  CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance