Dopo quattro giorni di guadagni, i mercati statunitensi hanno rischiato uno scivolone ieri quando il settore dei rivenditori al dettaglio sono state vendute dopo che Macy's ha diramato un warning per ricavi e profitti per il 2018. Questo ha avuto l'effetto di creare un'ondata di vendite in tutto il settore con Kohl's, Nordstrom Abercrombie e Target che hanno tutti seguito l'esempio, calando bruscamente. Il settore del commercio al dettaglio è stato messo sotto pressione su entrambe le sponde dell'Atlantico questa settimana, mentre gli investitori si preoccupano della sostenibilità dei margini dei rivenditori, dato che  i consumatori continuano a fare affari per quanto riguarda i prezzi.

Nel frattempo il presidente Trump continua a fare i conti con lo shutdown  governativo, che tanto più a lungo continuerà tanto più  solleverà preoccupazioni sul fatto che l'attuale rimbalzo possa iniziare a esaurirsi perché gli investitori temono che lo stallo comincerà a colpire la fiducia dei consumatori. Nonostante questi timori persistenti, i mercati statunitensi sono riusciti a chiudere  in rialzo per il quinto giorno consecutivo, aiutati ancora una volta da una serie di interventi di membri della Fed secondo cui la banca centrale sarà  paziente per quanto riguarda la politica monetaria.

Il presidente della Fed di St. Louis James Bullard, Charles Evans della Fed di Chicago e Thomas Barkin della Fed di Richmond  sono stati tutti cauti, e mentre il presidente della Fed Jay Powell è stato  leggermente più aggressivo nei suoi commenti di ieri, cosa che ha spinto al rialzo il dollaro, sembrerebbe che la Fed sia propensa ad un atteggiamento più morbido quest'anno, in un modo che è stato articolato in modo molto più esplicito, rispetto a quanto avvenuto negli ultimi due giorni.

I mercati europei hanno affrontato una sessione più contenuta, finendo  leggermente in rialzo in quanto hanno consolidato i guadagni osservati nell'ultima settimana circa. L'apertura di questa mattina sembra vedere un inizio abbastanza piatto ma positivo, mentre arriviamo alla fine della prima settimana di trading completa del 2019. Il FTSE100 in particolare è sembrato forte, in procinto di postare il suo terzo guadagno settimanale consecutivo, mentre il DAX ha anche ottenuto buoni risultati, nonostante gli annunci di migliaia di perdite di posti di lavoro nel settore automobilistico dal momento che Ford e Jaguar Land Rover hanno riferito che ridurranno loro forza lavoro in tutta Europa in risposta al forte rallentamento delle vendite di auto, in particolare in Cina, dove all'inizio di questa settimana si è  registrato il  primo calo delle vendite di auto in vent'anni. È improbabile che queste aziende siano le sole a fare così, dato che tutti i principali produttori automobilistici stanno affrontando sfide simili riguardo alle emissioni diesel, il passaggio a vetture ibride ed elettriche e rallentamenti nella spesa dei consumatori.

Il rumore attorno alla Brexit continua ad aumentare l'incertezza, ma non è ancora la principale preoccupazione del mercato per il momento dal momento gli investitori cercano di dare un senso alla prossima mossa negli Stati Uniti, alla storia commerciale della Cina e alle prospettive per ulteriori rialzi dei tassi negli Stati Uniti, in un contesto di rallentamento dell'economia globale.

Le preoccupazioni per un rallentamento dell'economia britannica si concentreranno oggi su un settore diverso con il rilascio degli ultimi numeri sulla manifattura e sulla produzione industriale per novembre. Abbiamo già visto alcuni brutti numeri dalla Germania e dalla Francia questa settimana sollevando timori che la Germania possa cadere in recessione nel quarto trimestre. Se il contesto economico debole in Europa è in qualche modo indicativo, il Regno Unito potrebbe far fronte a una parte delle ricadute, con il forte calo dei prezzi del petrolio che pesa anche sul settore del petrolio e del gas nel Regno Unito.

Si prevede che la produzione industriale britannica aumenti dello 0,3%, mentre la produzione manifatturiera dovrebbe aumentare dello 0,4% dopo alcuni bruschi cali di ottobre. Va ricordato che simili previsioni positive erano attese per i numeri tedeschi e francesi di questa settimana, quindi non si può escludere una brusca caduta al ribasso. Si prevede che il PIL mensile rimarrà invariato con un aumento dello 0,1% per novembre, con una media trimestrale che dovrebbe tornare allo 0,3% dallo 0,4%.

Gli ultimi dati americani sull'inflazione di oggi per dicembre dovrebbero dare letture interessanti, visti i forti cali registrati nelle letture inflazionistiche sia in Cina sia che nella UE viste questa settimana. Mentre molte pubblicazioni di dati recenti sono in ritardo a causa della chiusura del governo USA in corso, i numeri dell'inflazione saranno disponibili, il che significa che la Federal Reserve sarà in grado di capire come i recenti movimenti dei prezzi del petrolio hanno allentato le pressioni inflazionistiche a livello globale, colpendo  l'economia degli Stati Uniti. Questa è stata una delle maggiori preoccupazioni di alcuni decisori del FOMC alla riunione di dicembre e le cifre di oggi potrebbero confermare quelle preoccupazioni, se come previsto, i prezzi caleranno bruscamente dal 2,2% di novembre, con le aspettative di un calo all'1,9%.

EURUSD - si è  spinto sopra l'area 1.1500 all'inizio di questa settimana, ma ha perso trazione nell'area 1.1570 prima di scivolare indietro. Potremmo ancora dirigerci verso il livello di 1.1600 e potenzialmente verso la media mobile a 200 giorni a 1.1640, se riuscissimo a mantenerci sopra l'area 1.1420 o il minimo di martedì.

GBPUSD - la sterlina continua a faticare a ridosso dell'area di 1,2820, che deve superare per segnalare il potenziale per ulteriori guadagni. Abbiamo un supporto temporaneo a 1.2680. Una mossa sotto 1.2400 rimetterebbe nel mirino i minimi del 2016 vicino all'area 1.2000.

EURGBP: il livello di 0,9100 rimane una zona chiave di resistenza nonostante un breve picco a 0,9120 la scorsa settimana. La tendenza rimane per un ritorno al di sotto dello 0,8920 verso il livello 0,8820, poiché l'ampio range di 0,8700 / 0,9100 che ha dominato negli ultimi quattro mesi rimane intatto.

USDJPY - finché resta  al di sotto dell'area 109,20 il dollaro USA è suscettibile di un ritorno all'area 107,50, e di nuovo giù verso l'area 106,00, verso i minimi a 104,60. Abbiamo bisogno di recuperare attraverso l'area 109.20 per discutere di un ritorno all'area 110.30.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 11/01/2019

-----------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.