market relief

I tempi di un annuncio relativamente  ad un accordo commerciale statunitense tra Stati Uniti e Cina continuano a rimanere elusivi, poiché la prospettiva di un incontro con il presidente Trump e il presidente cinese Xi continua a essere rinviata.

Quando si è soffermato sui progressi nei colloqui, il presidente Trump ha affermato che un accordo potrebbe richiedere almeno altre 4 settimane per concludersi, ma sarà "monumentale". Per qualcuno che non è timido nell'usare iperboli, oltre a dire ciò che pensa, il Presidente degli Stati Uniti sembra stia diventando un maestro nella procrastinazione oppure i progressi potrebbero non essere così avanzati come suggeriscono i funzionari USA, data la frequenza con cui la scadenza continua a essere posticipata.

I mercati asiatici hanno avuto una sessione tranquilla con i mercati di Cina e Hong Kong chiusi, mentre il Nikkei 225 ha chiuso in rialzo.

In Europa i mercati azionari si sono aperti leggermente in rialzo in attesa del report sui salari americani di oggi pomeriggio, dopo una seduta leggermente più debole ieri. In termini di numeri di posti di lavoro, il rapporto sui salari negli Stati Uniti di febbraio è stato negativo esattamente quanto quello di gennaio era stato positivo. Un incremento di 20.000 nuovi posti di lavoro ha mancato le aspettative di una larga misura, rispetto ai 311 mila di gennaio, tuttavia è difficile ottenere un quadro accurato di come il mercato del lavoro statunitense stia performando in una fase in cui lo shutdown del governo statunitense potrebbe aver avuto un impatto sui numeri mensili. Quello che sappiamo è che i tassi di disoccupazione e sotto occupazione sono entrambi diminuiti drasticamente mentre i salari sono aumentati del 3,4%, il tasso di crescita più alto degli ultimi dieci anni.

Ciò suggerirebbe che il mercato del lavoro degli Stati Uniti si sta stringendo con meno lavoratori disponibili per riempire le posizioni vacanti. Una continuazione di questa tendenza a marzo potrebbe far pensare che le retribuzioni potrebbero salire ulteriormente. Questa situazione è assolutamente la benvenuta, visto il lungo periodo nel quale i redditi sono stati compressi dalla crisi finanziaria. Il numero di nuove buste paghe per oggi è previsto in circa 177 mila unità con salari in aumento del 3,4%.

Per quanto riguarda le notizie aziendali, il gruppo specializzato in scommesse GVC ha dichiarato di aver ottenuto buoni risultati nella sua ultima trimestrale, con il business online particolarmente forte. I risultati non sono stata così positivi per quanto riguarda le vendite al dettaglio nel Regno Unito, che non hanno visto alcuna crescita nel primo trimestre, con il business over the counter in calo del 6%. La società ha detto che è troppo presto per valutare l'impatto delle nuove restrizioni sulla puntata massima a quota fissa che sono entrate in vigore il 1 ° aprile, anche se il management dovrebbe avere un'idea più accurata tra qualche settimana. Di conseguenza il management ha dichiarato di essere fiduciosi di raggiungere i loro target per l'intero anno.

La società di software e informatica Micro Focus ha continuato la sua discesa da ieri, dopo che Citigroup ha ridimensionato il suo rating a "sell", affermando di aver visto rischi al ribasso sulle previsioni delle entrate.

Potrebbe anche essere un fine settimana chiave per i colloqui tra Commerzbank e Deutsche Bank dopo i commenti del CEO di Commerzbank, Martin Zielke, secondo cui un accordo offrirebbe la possibilità di realizzare economie di scala estremamente necessarie. Ciò sembra piuttosto dubbio date le sovrapposizioni tra le due banche ed è più probabile che seguiranno migliaia di perdite di posti di lavoro per migliorare i numeri. È stato riportato che ha continuato dicendo che non fare nulla non è un'opzione, il che potrebbe suggerire che piuttosto che creare una mostruosità assoluta di una banca che sarebbe troppo grande per fallire, l'opzione più intelligente potrebbe essere quella di guardare verso l'Italia e una possibile fusione con Unicredit. Le prospettive di un simile accordo sarebbero certamente complicate, con una banca italiana che si fonde con una banca tedesca per contribuire a rafforzare la sua posizione. Sono sicuro che il governo italiano non ne capitalizzerebbe da un punto di vista politico.

La sterlina ha continuato a oscillare con cautela, mentre le voci dal fronte europeo suggeriscono la prospettiva di una lunga proroga, con indiscrezioni secondo cui il primo ministro Theresa May scriverà al presidente del Consiglio dell'Unione europea Tusk per chiedere un ritardo. Per quanto riguarda i colloqui tra il partito laburista e il governo, nessuna notizia rappresenta una buona notizia, con aggiornamenti relativi ai progressi che dipendono dalla fonte di notizie che state leggendo in quel momento.

I mercati statunitensi hanno continuato la loro forte corsa nella seduta di ieri e sembrano pronti a ricominciare da capo con un'altra apertura positiva aperto.

Boeing ha avuto uno dei maggiori, in modo inspiegabile con una sessione positiva, chiudendo ad un massimo di tre settimane, nonostante la rivelazione che il sistema MCAS continua a riattivarsi sul 737 MAX e nonostante i piloti nel recente incidente in Etiopia abbiano seguito le direttive della Boeing nel tentativo di risolvere il malfunzionamento del sistema. Anche Dennis Muilenburg, amministratore delegato della Boeing, è andato davanti alle telecamere per ammettere che sembra esserci un problema con il sistema, dopo aver affermato per mesi che i problemi potrebbero essere stati causati da un errore del pilota, meglio tardi che mai. I risultati iniziali del rapporto relativo all'incidente sembrerebbero suggerire che i problemi con il sistema, progettati per compensare il peso extra dei nuovi motori, potrebbero essere più complessi di quanto si pensasse inizialmente. I risultati hanno anche messo in dubbio la posizione di Boeing, così come la competenza della Federal Aviation Authority degli Stati Uniti nel rilasciare un certificato di aeronavigabilità al modello e il ritardo nella messa a terra dello stesso. È difficile sottovalutare il danno che questi incidenti hanno causato alla reputazione di Boeing e alla sicurezza di questo particolare aeromobile. Con gli ordini già per n miliardi di dollari USA potenzialmente in sospeso, la società continua a produrre 50 velivoli al mese, potrebbe scoprire di avere un sacco di aerei parcheggiati e nessun acquirente. È probabile che i passeggeri pensino a lungo e duramente prima di salire su uno di questi aerei una volta che saranno dichiarati idonei al volo (sempre che si verifichi questa opzione). È probabile che questa cautela sia ben giustificata, considerato il tempo impiegato da Boeing per ammettere che ha avuto un problema. In fin dei conti parlare non costa nulla, mentre potenziali contenziosi e ordini annullati non saranno qualcosa che Boeing potrebbe iniziare ad affrontare nei prossimi 12 mesi.

È anche il giorno dei dati sul lavoro canadese per marzo e, a differenza degli Stati Uniti, il numero di febbraio del Canada è stato forte, attestandosi a 55.9 mila nuovi posti di lavoro con la maggior parte delle nuove posizioni a tempo pieno. Marzo è improbabile che sia altrettanto buono con le aspettative di 6 mila nuovi posti di lavoro.Si prevede che la crescita dei salari rimarrà stabile al 2,2% dopo un grande sato rispetto all'1,8% nei numeri di gennaio.

---------------------------------------------------------------------------------

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 04/04/2019

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.