I mercati azionari europei sono decisamente in rosso a seguito delle gravi perdite subite ieri a Wall Street. Il calo dei rendimenti dei titoli di Stato statunitensi a più lungo termine ha spaventato gli operatori e ciò ha innescato la discesa nei mercati azionari globali.

Da un punto di vista politico ed economico, non è cambiato molto, ma la fiducia degli investitori è stata scossa alla luce dal movimento nel mercato americano di ieri e questo fatto sta pesando nelle menti degli investitori.

È stato incoraggiante vedere che il sondaggio Caixin sul settore dei servizi cinesi è salito a 53,8, un massimo di cinque mesi. Il dato ha rimbalzato dalla lettura di ottobre, che era sui minimi degli ultimi 13 mesi. Negli ultimi anni l'economia cinese si è raffreddata, ma il rapporto di oggi ci mostra che è più in forma di quanto si pensasse inizialmente.

Gli azionisti di Takeda hanno votato a favore della proposta di acquisizione da 46 miliardi di sterline di Shire. La società giapponese è desiderosa di espandersi negli Stati Uniti, dove Shire genera gran parte delle proprie entrate. Takeda aggiungerà un ulteriore debito netto di 47 miliardi di dollari e in contropartita il nuovo gruppo avrà un fatturato globale di circa 32 miliardi, e sembra che stiano pagando molto per un ricavo aggiuntivo relativamente piccolo. L' azienda si aspetta di realizzare risparmi attraverso le sinergie e anche le attività non core verranno scorporate. I margini nel settore farmaceutico sono sottoposti a una crescente pressione, quindi ora potrebbe non essere il momento migliore per accumulare debiti. In aggiunta a ciò, durante l'estate abbiamo sentito che Amazon, il capo di JP Morgan, Jamie Dimon e Warren Buffett stanno cercando di lanciare un'iniziativa nel settore sanitario, che potrebbe portare grossi problemi alle aziende specializzate.

Le azioni di Stagecoach sono in rialzo questa mattina nonostante la società abbia annunciato cifre deludenti, che hanno però superato le previsioni. L'utile al lordo delle imposte del primo semestre è sceso del 10% a 87 milioni di sterline, ma gli operatori si aspettavano 81,1 milioni di sterline. Il gruppo sta valutando la possibilità di mettere in vendita le attività controllate negli Stati Uniti. La compagnia di trasporti ha dichiarato che i risultati nella divisione regionale degli autobus del Regno Unito sono "incoraggianti".

Ashtead è uno dei perggiori titoli del FTSE 100. Il gruppo trae la maggior parte delle sue entrate negli Stati Uniti, e gli operatori  hanno timori in relazione allo stato dell'economia statunitense che potrebbe avere  un rallentamento.

Nonostante tutti gli sconvolgimenti politici nel Regno Unito nelle ultime 24 ore, la probabilità che il Regno Unito lasci l'UE senza un accordo si è notevolmente ridotta e ciò sta aiutando GBP / USD. L'ultimo rapporto PMI dei servizi del Regno Unito è sceso a 50,4, il livello più basso in oltre due anni. EUR / USD è rimasto sostanzialmente invariato dopo che sono stati pubblicati i PMI servizi per Italia e Francia che hanno superato le previsioni mentre il dato tedesco ha rispettato le previsioni.

I mercati azionari statunitensi rimarranno chiusi oggi come segno di rispetto per l'ex presidente degli Stati Uniti, George H. W. Bush, che oggi viene sepolto.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets piattaforma Next Generation. Performance nette al 05/12/2018

----------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.