Gli indici azionari americani sono calati bruscamente mentre i treasuries sono saliti dopo la decisione della Fed di aumentare il tasso di interesse di 25 punti base al 2,25-2,5% la scorsa notte.

Questo esito era in gran parte in linea con le aspettative. Tuttavia, il mercato è probabilmente rimasto deluso nel sentire che "alcuni ulteriori aumenti graduali" sono necessari, anche se la banca centrale è pronta ad essere meno aggressiva nel restringere.

Le previsioni suggeriscono due ulteriori rialzi dei tassi l'anno prossimo, una revisione al ribasso rispetto a tre aumenti previsti nell'incontro di settembre.

In seguito a queste notizie l'apertura é stata caratterizzata da un tono nervoso, ma il mercato di Singapore ha mostrato resistenza contro questo vento contrario ed é rimasto piatto. Ciò è dovuto al fatto che il rialzo dei tassi rientra nelle aspettative del mercato e il potenziale ribassista per il mercato di Singapore è limitato da valutazioni relativamente basse. Il rapporto P/E trailing a 12 mesi dello STI è di circa 10x, il livello più basso osservato in quasi tre anni.

Per quanto riguarda il fronte cinese, la Banca Popolare Cinese (PBoC) ha inaspettatamente annunciato un programma di allentamento monetario di 100 miliardi di yuan su piccola scala per fornire linee di credito a basso costo destinate alle piccole e microimprese attraverso il Medium Term Lending Facility (MTL).

Si prevede che questa misura controbilancerà l'effetto negativo portato dalla Fed e quindi una notizia positiva per tutti mercati che scambiano titoli cinesi, in particolare per quelli Shanghai e Hong Kong.

L'allentamento monetario mirato ha dato un segnale sul fatto che i responsabili politici stanno cercando di trovare un equilibrio tra il sostegno alle PMI e la prevenzione di un aumento dei tassi generalizzato che si aggiunga ai problemi del debito.

I prezzi del  Brent sono scambiati su un minimo di 14 mesi di 56,4 $, poiché i problemi di eccesso rimangono il fattore chiave per  i prezzi dell'energia. Il rapporto sulle scorte di petrolio di ieri  ha mostrato una riduzione di 0,497 milioni di barili rispetto alla settimana precedente, inferiore alle aspettative precedenti di 2,36 milioni.

Una tiepida prospettiva di crescita economica globale pesa a sua volta sui prezzi del petrolio poiché la domanda di energia probabilmente rimarrà contenuta. A meno che non vediamo un sostanziale taglio dell'output da parte dell' OPEC + o nel Nord America o una discontinuità  della produzione in aree di produzione chiave, i prezzi del petrolio rimarranno probabilmente bassi fino alla fine dell'anno.

Crude Oil Brent - Cash

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.