La dichiarazione ufficiale rilasciata dalla Cina è stata probabilmente troppo sintetica affinchè gli investitori trovassero dettagli significativi di ciò che era accaduto durante l'incontro di tre giorni.

L'impegno di acquistare "prodotti agricoli, energia e prodotti manifatturieri" come menzionato nella dichiarazione americana è  completamente assente dal lato cinese, il che fa molta differenza.

L'ottimismo sulle trattative commerciali costruito negli ultimi quattro giorni di negoziazione si trova ad affrontare un "controllo di realtà", e i mercati asiatici stanno annullando parte dei guadagni in scia alla deludente dichiarazione questa mattina.

L'aumento dell'oro e dello yen suggeriscono che il sentiment si sta di nuovo trasformando verso una a maggior cautela, fino a che ulteriori dettagli dei negoziati commerciali saranno pubblicati per mostrare un progresso concreto.

Rimango cauta sulle prospettive commerciali, a causa della complessità e della divergenza nelle aree  chiave di controversia- furto di tecnologia, controversie in materia di proprietà intellettuale, sicurezza  cibernetica, ecc., tra i due paesi. Tutto ciò richiederà uno sforzo enorme e tempo per essere risolto, e entrambe le parti dovranno raggiungere un terreno comune per consentire la coesistenza di due economie profondamente diverse.

La motivazione per raggiungere un accordo è decisamente forte, ma dobbiamo anche essere realistici e gestire le nostre aspettative sui colloqui. Questa negoziazione commerciale si estenderà oltre il periodo di 90 giorni, ma ulteriori tariffe sono improbabili. A causa dello sfavorevole impatto sul mercato osservato nell'ultimo trimestre, le tariffe commerciali aggiuntive saranno l'ultima risorsa per gli Stati Uniti in caso di rottura degli scambi commerciali.

I prezzi del greggio Brent sono scesi del 5% la scorsa notte a un livello di resistenza chiave di 60 $ al barile. Il rally è stato alimentato dall'impegno dei sauditi  a sostenere i prezzi del petrolio e sono pronti a tagliare più di quanto necessario.

L'ultimo rapporto DoE Petroleum Status ha mostrato un calo di 1,68 milioni di barili nelle scorte di greggio commerciale degli Stati Uniti, il più grande calo settimanale registrato in più di un mese.

Il mercato di Singapore ha mostrato una buona tenuta contro il più ampio sell-off in Asia, con i titolii immobiliari (esclusi i REIT) che hanno fatto la parte del leone nel rialzo dello STI, che è salito di 5 punti durante la prima ora di negoziazione.

Crude Oil Brent - Cash

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 10/01/2019

-----------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.