supermarket checkout retailers

Il periodo natalizio è vitale per il settore dei supermercati, e negli ultimi anni è stata una corsa al ribasso in termini di prezzi, che è positivo per i consumatori, ma non così buono per gli azionisti. Aldi e Lidl hanno fatto la parte dei guastafeste e la vecchia guardia ha subito il colpo.

Aldi ha pubblicato i suoi migliori dati di vendita natalizia nel Regno Unito, con un aumento delle entrate di oltre il 10% a quasi 1 miliardo di sterline. Il gruppo ha visto il numero di nuovi negozi aumentare dell'8,5% lo scorso anno a 827, e l'azienda punta a avere 1.200 punti vendita nel Regno Unito entro la fine del 2025 - che è un piano di espansione aggressivo. Dal 2010, il rivenditore di discount ha raddoppiato la sua quota di mercato al 7,6%, diventando così il quinto per dimensione.

Anche Lidl ha avuto un buon Natale, dato che la società tedesca ha registrato un aumento delle vendite del 9,4% nel periodo festivo. Il gruppo ora ha una quota di mercato di oltre il 5% e, come il suo rivale tedesco Aldi, il suo tasso di espansione supera di gran lunga quello dei "quattro grandi" supermercati.

Martedì, Morrisons ha rivelato un aumento dello 0,6% delle vendite a parità di perimetro per le nove settimane fino all'inizio di gennaio, mentre gli analisti azionari si aspettavano una crescita compresa tra lo zero e lo 0,5%. La catena ha registrato un aumento del 2,1% nello stesso periodo dell'anno scorso, quindi l'aggiornamento di questa settimana ha confermato un rallentamento del tasso di crescita. La crescita complessiva delle vendite è stata del 3,6% e anche la divisione all'ingrosso ha registrato buoni risultati. la società ha confermato che è stato il quarto Natale consecutivo in cui le vendite su base omogenea sono aumentate, ma questo risultato non è ancora sufficiente per conquistare gli investitori. Il supermercato "ascolta" e "risponde" ai clienti e ciò ha contribuito a migliorare la soddisfazione del cliente stesso.

Waitrose ha un track record di buone performance a Natale, ma non l'ultimo poiché le vendite nelle 12 settimane fino a fine dicembre sono calate dell'1,7%. Il supermercato ha tradizionalmente attratto i percettori di reddito medio-alti, ma sembra il richiamo di sconti altrove, e un ambiente prudente per i consumatori prima della Brexit ha danneggiato il gruppo.

Anche Marks and  Spencer attirano clienti con reddito superiore alla media e la società ha avuto una performance scarsa nel terzo trimestre. Le vendite di cibo su base omogenea sono diminuite del 2,1%, mentre le vendite di abbigliamento e casalinghi sono diminuiti del 2,4%. Il reparto abbigliamento è stato tradizionalmente un freno per il gruppo, mentre la divisione alimentare è stata la vincitrice, ma le cifre pubblicate oggi di vendite di dolci destano preoccupazione gli investitori. La catena ha descritto le proprie prestazioni come "stabili" in un mercato "difficile", ma ancora positive e il piano di trasformazione è "in pista".

Sainsbury's ha annunciato che il totale delle vendite al dettaglio, escluso il carburante, è sceso dello 0,4% e le vendite su base omogenea, escludendo il carburante, sono calate dell'1,1%. Le vendite di generi alimentari sono aumentate dello 0,4% e le vendite online di generi alimentari e prodotti per l'igiene sono aumentate rispettivamente del 6% e del 3%. Le vendite di abbigliamento sono diminuite dello 0,2% e le vendite generali di merci sono diminuite del 2,3%. Il gruppo ha accusato un ambiente di consumo "cauto" e un declino deliberato di sconti in vista del Black Friday per le scarse prestazioni. Oggi come oggi i rivenditori al dettaglio sono in una posizione difficile, lo sconto è diventato molto popolare e si rimane indietro se non si riducono i prezzi, ma allo stesso tempo le promozioni comprimono i margini.

Tesco ha confermato che le vendite natalizie nel Regno Unito sono aumentate del 2,2% e le vendite anno  su anno nel Regno Unito e in Irlanda, compreso Booker Group, sono aumentate dell'1,9%. Le vendite di Natale della Gran Bretagna e dell'Irlanda sono aumentate del 2,6%, sia in termini di volume che di valore. Ciò è incoraggiante in quanto suggerisce che l'impresa non ha fatto ricorso alle promozioni per attirare clienti.

La bassa crescita delle vendite a cifra singola potrebbe non essere molto, ma mette l'azienda ben al di sopra dei suoi rivali affermati. In aggiunta ai numeri rispettabili, Tesco ha dichiarato di essere "fiducioso" per le sue prospettive, e che è in linea con i propri piani.

L'ascesa di Aldi e Lidl sta danneggiando i "quattro grandi" ed è per questo che abbiamo assistito ad un'intensa attività di fusione e acquisizione nel settore.

Sainsbury's spera che la concorrenza e l'autorità dei mercati possano approvare la loro acquisizione programmata di Asda, cosa che li collocherebbe al primo posto, se l'accordo dovesse andare avanti. Morrisons ha usato la sua acquisizione di McColls per diventare un grossista e Sainsbury ha fatto qualcosa di simile con  Booker Group.

Tesco ha subito un'improvvisa inversione di tendenza sotto la guida di Dave Lewis. I supermercati tedeschi sono in piena corsa e le aziende britanniche dovranno continuare a innovare per tenere il passo.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 10/01/2019

-----------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.