Pinterest

Dopo aver visto il prezzo delle azioni dell'app di condivisione del traffico Lyft crollare in seguito alla sua recente IPO, il management di Pinterest e Zoom potrebbero essere un po' preoccupati mentre si preparano per il loro primo giorno di trading quando i mercati statunitensi apriranno più tardi oggi.

Sono finiti i giorni, almeno sembrerebbe, in cui gli investitori saltavano su un qualsiasi unicorno tecnologico e lo cavalcavano al rialzo, esattamente come gli investitori hanno fatto con GoPro nel 2014 e Snap nel 2018 e hanno ripetuto con altre IPO negli ultimi anni. Entrambi gli esempi hanno visto guadagni decenti nei primi giorni e settimane prima che la realtà bussasse alla loro porta, con valutazioni basate più sulle speranze che sulle aspettative. Osservando entrambe le aziende ora,  stanno languendo ben al di sotto dei loro prezzi IPO con scarsi segnali che vedranno di nuovo certe altezze inebrianti.

La grande domanda è se sarà diverso per Pinterest e Zoom e la risposta a questa domanda è: forse. Per cominciare entrambe le società sembrano avere valutazioni molto più realistiche, ma esaminiamo ciascuna di esse sui dati finanziari.

Partendo dalla società di videoconferenza Zoom Video Communications, il suo prezzo di 36 dollari per azione implica una valutazione complessiva di oltre 9 miliardi di dollari e superiore alla forchetta di prezzo dell'IPO compresa tra 33 e 35 dolari, che a sua volta era stata aumentata dalla precedente di 28- 32 dollari. A differenza di molti di altre IPO comparabili, la società è in realtà redditizia, con un utile di 7,5 milioni e con un fatturato di 330,5 milioni di dollari.

Considerando la documentazione allegata all'IPO, la crescita della società è stata notevole, partendo da un fatturato di 60,8 milioni nel 2017, contro costi operativi totali di 48 milioni e una piccola perdita, a spese operative di 263 milioni per l'anno fino a gennaio 2019, di cui 185 milioni sono spese di marketing e un profitto di 7,5 milioni.

La grande domanda è se sia stato raccolto un frutto comodo da prendere o se l'azienda possa continuare a crescere ad un tasso sostenuto per giustificare una valutazione di 9 miliardi di dollari, con il suo modello basato sull'abbonamento. La principale concorrenza della compagnia è costituita da operatori "legacy" come Webex, LogMeIn e Skype e, essendo stato utente di questi servizi , l'offerta di Zoom si rivela molto più facile da usare.

Il problema è che la tecnologia è facilmente replicabile, un fatto che il management riconosce nella documentazione e che potrebbe ritrovarsi cannibalizzato nello stesso modo in cui Facebook ha fatto con SnapChat con l'introduzione di Instagram Stories.

Nonostante ciò, le prospettive sono molto più promettenti data la crescita degli ultimi tre anni e anche la scarsa qualità della sua concorrenza che, nel caso di Webex, lascia molto a desiderare, quindi c'è il potenziale per assorbire quote di mercato.

Per quanto riguarda Pinterest, può essere considerato alla stregua di Instagram, in quanto l'utente è in grado di condividere immagini, ricette e video, attaccandoli alla propria scheda pin o alle schede pin degli altri utenti. In genere, i tipi di interessi condivisi possono variare da moda, giardinaggio, decorazione e altri hobby. Questa condivisione di interessi è il tipo di Santo Graal che i marketer amano e consente alle aziende di promuovere accordi e prodotti in base agli interessi degli utenti.

Pinterest, che aveva oltre 250 milioni di utenti attivi alla fine dello scorso anno e 2 miliardi di ricerche, generando entrate per 750 milioni di dollari, è valutata 12,7 miliardi di dollari. Le azioni hanno un prezzo di 19 dollari per azione, superiore alla forchetta di offerta ed è leggermente superiore a una valutazione precedente che Pinterest ha ricevuto nel 2017 quando ha raccolto 150 milioni di dollari tra gli  investitori esistenti. Come la maggior parte degli unicorni deve ancora realizzare un profitto, ma le sue perdite stanno diminuendo, scendendo da 182 milioni di dollari nel 2016 a 63 milioni l'anno scorso.

Le perdite non sono certamente della caratura di quelle di compagnie come Lyft o Uber, ma la più grande preoccupazione potrebbe riguardare il fatto se siano in estendere o meno la demografia dei propri utenti al di là del loro pubblico principale, che è per l'80% composto donne. Ciò comporterebbe che il business cerchi di estendere il proprio appeal a una fascia demografica molto più ampia senza alienare la base di utenti esistente.

Altri rischi sono ancora una volta legati al fatto che il servizio può essere facilmente replicato, mentre gli interventi normativi potrebbero anche limitare la crescita del business, dal momento che i governi stanno diventando molto più interventisti su ciò che può essere pubblicato online.

Un elemento chiave di differenziazione è che non ha i trascorsi di Facebook o Twitter con un management non desideroso di stimolare il confronto sostenendo che il suo pubblico è impegnato a scambiare idee su moda, ricette e simili, piuttosto che scambiare minacce e insulti.

Quindi, due nuove IPO, con valutazioni più basse e ambizioni più realistiche, con la grande domanda se possono avere successo laddove alcuni società più importanti hanno fallito. Solo il tempo lo dirà, ma almeno il management di entrambe le società sembra avere un piano e c'è stata chiarezza sui potenziali rischi e sul lato positivo non stanno bruciando cassa, che è sempre una buona cosa, il che suggerisce che c'è un maggiore possibilità di rialzo.

Entrambe le società inizieranno le contrattazioni più tardi oggi.

Fonte : CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 18/04/2019

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance