Il Nasdaq è crollato di oltre il 4% la scorsa notte, estendendo le perdite dalla scorsa settimana quando i rischi commerciali, il protezionismo e l'aumento dei rendimenti dei titoli di stato hanno iniziato a scuotere le azioni americane con alte valutazioni. 

Il presidente Trump ha accusato la rotta di aumenti dei tassi d'interesse, dicendo "La Fed sta commettendo un errore. Sono così rigidi.Penso che la Fed sia impazzita ". In effetti, il rendimento del decennale americano ha raggiunto il massimo pluriennale del 3,22% la scorsa settimana a seguito della decisione della Fed di aumentare il tasso di riferimento al 2,00-2,25% nella riunione di settembre. Il nervosismo derivante dal graduale aumento del costo del credito si è finalmente trasformato in una significativa correzione del mercato azionario, e questo potrebbe portare a ulteriori speculazioni nei giorni a venire. I fondamentali, tuttavia, rimangono solidi per il mercato statunitense e non vi è ancora alcun segno di recessione, nonostante l'aumento delle frizioni commerciali e del protezionismo. Pertanto, questo sembra più una correzione naturale del mercato in questo momento.

Anche Dow e S&P 500 sono stati colpiti, rompendo al ribasso il loro canale rialzista formatosi dall'aprile di quest'anno. Tecnicamente, il Dow ha raggiunto il 50% di Fibonacci a livello di 25.400 la scorsa notte, con livelli di supporto e resistenza immediati rispettivamente di circa 25.060 e 25.700. La tendenza è diventata ribassista, in quanto sia il SuperTrend (10,3) che la media mobile a 10 giorni sono scese verso il basso. Indicatore di momentum RSI è sceso al limite inferiore del 23,6%, suggerendo che il mercato è temporaneamente ipervenduto.

I mercati azionari asiatici non fanno eccezione. Lo Straits Times di Singapore ha aperto con un ribasso del 2% a 3.061 punti, abbattendo un livello di supporto chiave di 3.100 punti. L'indice MSCI Asia Pacific ha perso l'1,8% all'inizio di questa mattina. L'indice Straits Times è sceso di oltre il 6% nell'area di 3060 dal recente massimo di 3.644 registrato la scorsa settimana. Nel frattempo, i partecipanti al mercato stanno aspettando l'annuncio del piano biennale della Monetary Authority di Singapore per tracciare un quadro più chiaro delle prospettive di politica monetaria. Un sondaggio di Bloomberg mostra che 12 su 21 economisti intervistati vedono una mossa restrittiva da parte del MAS questa volta, senza lasciare una chiara direzione di ciò che dovrebbe accadere alla fine di questa settimana.

L'indice malesiano KLCI è crollato del 2,3% ieri dato che il mercato azionario ha reagito negativamente a un recente messaggio del governo per introdurre nuove tasse per affrontare il debito e sostenere i deficit di bilancio. Gli investitori hanno probabilmente cercato di detenere liquidità e rimanere in disparte prima della revisione a medio termine del piano di bilancio 2019 del governo malese della prossima settimana a causa delle crescenti incertezze politiche. Sulla Bursa Malaysia, la società blue chip Asiata, Telekom Malaysia e Genting hanno guidato il calo dell'indice di riferimento. Il sentiment negativo si è diffuso a Singapore a causa della stretta connessione tra due paesi nelle attività commerciali.

Fonte : CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 11/10/2018

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei cfds">CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.