Questa settimana i mercati europei sono partiti abbastanza bene, aiutati da un allentamento delle tensioni tra Cina e Stati Uniti e da una sterlina più debole che ha contribuito a spingere l'FTSE100 al massimo degli ultimi due mesi e al di sopra dellla media mobile di 200 giorni, mentre il DAX si sta confrontando con  livelli di resistenza simili poco prima della media mobile a 200 giorni.

D'altro canto, i mercati americani sembrano faticare a sostenere ulteriori rialzi, con il Dow che scivola in ribasso per il terzo giorno consecutivo in quanto un dollaro USA più forte e rendimenti più elevati hanno pesato per gli investitori statunitensi. Lo S&P 500 ha chiuso sostanzialmente invariato mentre pure il Nasdaq ha chiuso in ribasso.

I prezzi del greggio continuano ad essere motivo di preoccupazione raggiungendo un nuovo massimo da tre anni sopra i 75 dollari, nonostante i commenti del ministro iraniano del petrolio Bijan Zanganeh secondo il quale non ci sarebbe bisogno di estendere l'attuale patto di congelamento della produzione oltre quest'anno. È questo rialzo nei prezzi del petrolio, insieme all'aumento della domanda, che sta contribuendo a alimentare il recente aumento dei rendimenti, nonché il tono positivo per i mercati azionari, tuttavia se dovesse prolungarsi troppo potremmo iniziare a vederlo come un freno ai mercati azionari, se i prezzi e i rendimenti iniziano a muoversi ancora al rialzo.

La scorsa settimana, l'ultimo indice tedesco di aspettative economiche ZEW è sceso al minimo di cinque anni a -8,2, riflettendo la preoccupazione per le crescenti tensioni commerciali tra UE e USA, nonché i recenti dati economici di inizio anno più deboli . Questo pessimismo è in contrasto con i recenti guadagni del DAX tedesco che è salito per quattro settimane di fila, così come le letture flash PMI di ieri migliori delle attese di aprile sia per i servizi che per il manifatturiero.

Questa divergenza nei dati potrebbe suggerire che alcune delle recenti debolezze osservate nel primo trimestre potrebbero essere state legate alle condizioni meteorologiche a causa del recente clima freddo, mentre i rapporti dei sondaggi possono rivelarsi alquanto instabili, dato che tendono ad essere basati sul sentiment rispetto all'evidenza basata sui dati.

Lo stesso si può dire del sondaggio sul clima commerciale IFO tedesco di oggi, che è di nuovo un indicatore di sentiment, ma ha comunque una dimensione campione di circa 7.000 aziende in tutta l'economia tedesca. Si prevede che il numero di questo mese differisca in modo significativo dalla lettura del mese scorso a causa di un cambiamento nella metodologia che ora include le imprese del settore dei servizi, che costituiscono una grande percentuale dell'economia tedesca.

Con le nuove modifiche il numero di marzo è stato rivisto al ribasso da 114,7 a 103,2, con le stime per aprile destinate a mostrare un miglioramento a 104,7, tuttavia è probabile che ora sia molto più rappresentativo dell’intera economia tedesca.

La sterlina ha subito un'altra giornata deludente ieri, scivolando contro il dollaro USA per il quinto giorno consecutivo e toccando i suoi livelli più bassi questo mese. Si prevede che i dati economici di oggi mostreranno che il deficit del settore pubblico per marzo si attesti intorno a 1,3 miliardi di sterline dopo un piccolo surplus nel mese di febbraio.

EURUSD - continua a scivolare indietro con supporto chiave posto tra l'area 1.2160 e 1.2180. Una rottura qui potrebbe completare un'inversione del triplo massimo e puntare verso 1.1800. Mentre nel caso in cui tenesse la resistenza di 1.2160, è probabile che l’attuale trading range resti intatto.

GBPUSD - la rottura sotto il 1.3970 è una cattiva notizia per chi è rialzista  sulla sterlina e potenzialmente apre un nuovo test dei minimi di quest'anno a 1,3720. Abbiamo bisogno di vedere una ripresa al di sopra dell'area 1.4030 per discutere di un nuovo test dell'area 1.4130.

EURGBP - i guadagni della scorsa settimana potrebbero comportare un nuovo test dell'area 0,8820 e della media mobile a 50 e 100 giorni, tuttavia per ora sembra che ci troveremo a sostarenell'area di 0.8790, conil mantenimento  dell’area sopra 0.8740. Una caduta al di sotto dell'area 0.8740, apre una mossa verso il supporto nell'area 0.8690. Solo una discesa al di sotto di 0.8680 comporta il retarget dei minimi di 0.8620 di inizio settimana.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation Performance nette al 24/04/2018

---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei cfds">CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.