Dopo una decisa ripresa dai minimi alla fine dello scorso anno, le azioni globali sembrano aver esaurito la loro forza, se diamo peso al forte calo di venerdì e all'andamento dei mercati  di questa mattina in Asia e in Europa, che hanno dato seguito a questo tema negativo.

Da tempo è universalmente riconosciuto che l'economia globale stia rallentando, visti i cali alla fine dello scorso anno, sullo sfondo di una banca centrale statunitense che sembra intenzionata a continuare ad aumentare i tassi.

Dato che la Fed ha rapidamente rivisto questa aspettativa, il recupero di quest'anno si è sempre basato sul presupposto che il combinato disposto di aspettative di politica monetaria più accomodanti, un esito positivo dei negoziati commerciali tra Stati Uniti e Cina e un recupero dei dati economici, avrebbero finito per supportare le valutazioni.

Mentre un esito positivo per  le discussioni tra Stati Uniti e  Cina potrebbe ancora verificarsi e il primo presupposto si è già verificato nelle ultime settimane, con la  conferma della riunione della Fed che probabilmente non aumenteranno ulteriormente i tassi, tuttavia il netto calo osservato nei dati economici della scorsa settimana dall'Europa sembra aver minato ogni ottimismo rimanente che potremmo evitare una possibile recessione globale.

La brusca flessione dei rendimenti alla fine della scorsa settimana non fa altro che evidenziare la cosa e, mentre alcune banche centrali hanno ancora munizioni nell'arsenale della politica monetaria, come la Federal Reserve, ce ne sono altre con meno proiettili da caricare e il graduale appiattimento delle curve dei rendimenti in generale sembra suggerire che i mercati obbligazionari pensano che il recupero globale stia iniziando a fermarsi.

Stamattina i mercati europei hanno avuto un inizio negativo, in seguito ai pesanti cali di Wall Street venerdì e Asia di oggi, con i mercati statunitensi che non si aspettano di beneficiare delle notizie di ieri che sembrano scagionare il presidente Trump e il suo team dalle accuse di  collusione con la Russia.

Sul fronte delle notizie relative ad M&A, le azioni di Fiat hanno goduto di un modesto impatto sulle indiscrezioni continue secondo cui Peugeot sarebbe interessata a fare un'offerta.

Il produttore di satelliti Inmarsat è nettamente in rialzo dopo che la società ha riferito di aver accettato un'offerta di 3,4 miliardi di dollari da un gruppo di società di private equity.

Nel Regno Unito, la sterlina continua a essere afflitta dal flusso e riflusso degli eventi che circondano la Brexit.

Ancora una soluzione parlamentare su cosa fare con la Brexit non sembra avvicinarsi, con i discorsi che ci sono stati durante il fine settimana, con il Primo Ministro che potrebbe essere costretta a farsi da parte. Sembra essere solo una questione di tempo, con l'unica domanda intorno al quando.

Sebbene ci sia un certo sollievo per il fatto che il cosiddetto "cliff edge" del 29 marzo sia stato ritardato di due settimane, abbiamo ancora il problema di quale tipo di accordo possa essere raggiunto. Potremmo avere una migliore idea quando i parlamentari saranno chiamati una serie di voti indicativi, a partire da oggi con la possibilità che l'accordo sul ritiro del Primo Ministro possa ottenere un terzo tentativo.

La pressione sui parlamentari è aumentata durante il fine settimana con una manifestazione a Londra, a cui si stima abbiano partecipato  circa 1 milione di persone che chiedono un nuovo referendum, mentre 5 milioni di persone hanno firmato una petizione per revocare l'articolo 50 e rimanere nell'UE.

Sebbene sia un numero impressionante, ti chiedi dove si trovassero tutte queste persone alle elezioni generali del 2017, quando i liberaldemocratici avevano bisogno del loro voto come unico partito a favore del remain in parlamento. In quelle elezioni i Lib Dems hanno ricevuto solo 2,3 milioni di voti in totale, una quota del 7,4% dei voti, e meno della metà dei 5 milioni di persone che hanno finora firmato la petizione di revoca e continuano a ad andare male nei sondaggi.

Negli Stati Uniti, i mercati azionari sembrano destinati ad aprire al ribasso nonostante un iniziale ottimismo pre-mercato alla notizia che l'inchiesta di Mueller sul presunte collusioni russe alle elezioni presidenziali del 2016 non ha rilevato alcuna prova che il team della presidente Trump abbia collaborato con agenti statali russi per influenzare il risultato.

Le preoccupazioni per il fatto che l'economia statunitense abbia raggiunto il livello più alto del suo ciclo economico e si stiano dirigendo verso una possibile recessione hanno spinto i mercati obbligazionari statunitensi a risalire spingendo bruscamente al ribasso i rendimenti decennali USA al di sotto del rendimento dei titoli a tre mesi.

Dato che si tratta di un indicatore anticipatore, quando ciò si è verificato in passato, di solito è seguita una recessione, sebbene gli investitori tendano a guardare più al differenziale tra il rendimento a 10 anni e a 2 anni, che è ancora in territorio positivo.

Gli investitori avranno anche gli occhi fissi su Cupertino, in California, oggi con il management della Apple, che dovrebbe svelare grandi novità sul fronte dello streaming online. Si prevede che l'evento "It's Showtime" avvii un servizio di abbonamento alle notizie e lanci un servizio da per fronteggiare Netflix e Amazon, mentre i dirigenti Apple cercano di incrementare ulteriormente il business dei servizi e compensare il calo che abbiamo iniziato a vedere nelle vendite di hardware.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 25/03/2019

--------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance