Mentre le scorte di petrolio continuano a rimanere alte, il prezzo del greggio continua il suo rally ritrovando il livello dei 50$ al barile. Il WTI e il Brent hanno cominciato a quotare su livelli molto simili. Il buon andamento del petrolio facilita il recupero del gas naturale e delle società specializzate nell’oil and gas. Anche i mercati azionari stanno beneficiando del rialzo dei prezzi del petrolio. La minore produzione americana sembra ora dare i suoi effetti con le scorte che rimangono alte, ma in leggera contrazione, in attesa della riunione Opec programmata per settimana prossima a Vienna. I titoli bancari hanno chiuso un’altra brillante seduta, sostenuti soprattutto dal nuovo piano di finanziamento per la Grecia. Nonostante non ci siano grandi aspettative, il solo fatto di rimandare il problema più in là nel tempo ha dato modo ai mercati di recuperare. La sterlina sembra ben impostata per chiudere un'altra settimana positiva, ora che vengono evitati commenti politici sulla Brexit che in passato hanno descritto uno scenario apocalittico per l’economia inglese se il Regno Unito dovesse uscire dall’Unione. In mattinata sarà reso noto il PIL trimestrale del Regno Unito, che dovrebbe risultare invariato allo 0,4%.