Il FTSE 100 ha sottoperformato ieri il resto dell'Europa.

I dati deludenti sul settore manifatturiero cinese hanno pesato sui titoli minerari e energetici e i mercati londinesi mostrano un'esposizione relativamente alta alle società legate alle materie prime.

Il FTSE 100 ha chiuso sui minimi di giornata, ma DAX, CAC 40 e IBEX 35 hanno chiuso la seduta in rialzo.

La politica ha avuto un ruolo centrale nel risultato  di ieri.

L'incontro tra il presidente Trump e Kim Jong-un si è interrotto bruscamente dopo che il leader nordcoreano ha chiesto la fine di tutte le sanzioni sullo stato canaglia. Non è  un modo ideale per terminare il summit, ma poteva anche andare peggio. I principali indici statunitensi hanno chiuso leggermente in ribasso ieri sera.

Durante la notte é stato pubblicato il sondaggio Caixin sulla produzione cinese e la lettura è stata di 49,9, mentre gli economisti si aspettavano 48,5 ed ha rappresentato un miglioramento rispetto al 48,3 gennaio. È il terzo mese consecutivo che il sondaggio finisce in territorio negativo, ma le azioni a Shanghai e Hong Kong mostrano piccoli rialzi.

Abbiamo sentito ieri alcuni aggiornamenti da personaggi  influenti negli Stati Uniti ieri.

Richard Clarida, della Fed, ha detto che le condizioni finanziarie sono più favorevoli ora di quanto non lo fossero alla fine del 2018. Il banchiere centrale ha anche aggiunto che non ci sono "prove concrete" delle pressioni sui costi, il che suggerisce che la banca centrale statunitense non sia incoraggiata ad aumentare i tassi di interesse nel breve periodo.

Il consigliere economico del presidente Trump, Larry Kudlow, ha dichiarato che sono stati compiuti progressi fantastici in relazione ai colloqui commerciali con la Cina.

Steven Mnuchin, Segretario al Tesoro degli Stati Uniti, ha detto che i progressi nei negoziati commerciali sono in corso, spera che si possano ottenere ulteriori progressi in questo mese.

L'economia statunitense è cresciuta del 2,6% nell'ultimo trimestre del 2018, che ha superato facilmente le previsioni del 2,3%. Su base annua, l'economia è cresciuta del 2,9%, il tasso più alto dal 2015. L'annuncio ha spinto il dollar index al rialzo e l'ha aiutato ad uscire dalla tendenza al ribasso che è stata in vigore in questa settimana.

Il movimento rialzista del dollaro ha spinto l'oro al suo livello più basso in quasi due settimane, ma resta ancora nella più ampia tendenza al rialzo in cui si muove  da alcuni  mesi.

L'euro stava avendo una buona sessione prima che gli Stati Uniti pubblicassero i dati sulla crescita. Sia la Francia che la Spagna hanno visto lievi aumenti dell'inflazione, mentre il tasso di inflazione tedesco si è mantenuto stabile. I dati dipingono un quadro dell'aumento della domanda, il che è incoraggiante dal momento che la zona euro ha attraversato un momento difficile ultimamente.

Stamattina, Spagna, Italia, Francia e Germania pubblicheranno i PMI manifatturieri  tra le 9.15 e le 9.55  e gli operatori si attendono rispettivamente 51.7, 47.2, 51.4 e 47.6.

L'indice dei prezzi al consumo dell'Eurozona verrà rilasciato alle 11:00  e i trader prevedono un aumento dell'1,5%, dall'1,4%. Le approvazioni e le concessioni di nuovi mutui britannici saranno annunciati alle 10.30  e la stima di consenso è rispettivamente di 63.400 e 3.9 miliardi di sterline.

Alle 14.30 verrà annunciato l’indice dei prezzi per i consumi personali per gli Stati Uniti e gli economisti si attenderanno che si mantenga stabile all'1,9%.

I report PMI manifatturiero prodotta da ISM l’indice di fiducia dei consumatori dell’Università del Michigan saranno rilanciati alle 16:00 e gli operatori si attendono rispettivamente 55,5 e 95,7.

Il PIL annualizzato del quarto trimestre canadese sarà pubblicato alle 14.30 e i trader si attendono un crescita all'1,2%.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 31/03/2019

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei  CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance