La volatilità su EUR/USD cala in attesa dell'appuntamento di questa sera: il FOMC.

Gli analisti, calcolando le probabilità grazie al valore dei fed funds, non prevedono sorprese sul tasso di interesse sul dollaro, che dovrebbe rimanere quindi ancorato al 2,25%.
Il prossimo rialzo dei tassi sulla valuta statunitense, sempre secondo il pensiero comune degli analisti, dovrebbe arrivare il prossimo mese.
Ad ogni modo gli scambi su EUR/USD dovrebbero intensificarsi a partire da qualche minuto prima delle ore 20:00, ora del rilascio del dato.


Graficamente troviamo il prezzo che si trova sulla parte bassa della formazione a rettangolo disegnata in azzurro.

L'area 1,13 rappresenta un forte supporto, ma quel livello potrebbe subire un nuovo test nei prossimi giorni.
Il rimbalzo da 1,1302 (toccato lo scorso 31 ottobre) ha portato le quotazioni fino a 1,15 in poschi giorni, dopodichè la pressione dei venditori hanno riportato le quotazioni molto velocemente appena sopra a 1,14 .

Fonte : CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 08/11/2018


------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.