Ieri sera come da programma sono stati pubblicati i verbali dell’ultima riunione del Federal Open Market Commitee del  13-14 giugno, durante la quale è stato stabilito il rialzo dei tassi d’interesse. La pubblicazione dei verbali era considerata di grande importanza dagli operatori per capire quali fossero gli orientamenti della Fed su due punti: il percorso da seguire nel rialzo dei tassi d’interesse e le modalità di riduzione del bilancio del Fed, che dopo diversi round di quantitative easing è arrivato a toccare i 4500 miliardi di dollari.
A questo proposito è emersa una certa divisione tra i membri del board della Fed, divisioni che sono alimentate dall’andamento dell’inflazione, che per la prima volta dal 2012 è vicina ai target della Fed, anche se per il momento l’inflazione core, cioè la misura dell’inflazione di un paniere di beni che esclude le componenti più volatili come alimentari e prodotti energetici, mostra segnali di debolezza, che sono considerati come temporanei.

In questo momento sembra essere da escludere un aumento dei tassi prima di dicembre, mentre già da settembre la Fed inizierà a diminuire il suo bilancio gradualmente, rinunciando al reinvestimento delle cedole del suo enorme portafoglio obbligazionario.  

Tuttavia l’outlook resta positivo, con il mercato del lavoro che continua a rafforzarsi,l’attività economica che sta aumentando moderatamente e rischi finanziari in riduzione. A proposito di mercato del lavoro tra oggi e domani arriverà la solita raffica di dati di inizio mese, che probabilmente impatterà sulla volatilità del mercato Forex. 

Oggi alle 14.15 saranno pubblicati i dati dell’Adp, con un aumento previsto dell’occupazione di 185000 unità, mentre alle 14.30 sarà la volta dei dati sui sussidi disoccupazione, mentre domani alle 14.30 avremo la pubblicazione dei non farm payroll. 
Sul fronte delle materie prime ricordiamo che è stato posticipata a oggi la pubblicazione delle scorte settimanali di greggio negli Stati Uniti, a causa della festività del 4 luglio. Ci si aspetta una riduzione delle scorte di 2.3 milioni di barili.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 06/07/2017

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.