E’ il dato sull'inflazione a marzo dell'Eurozona ad essere monitorato oggi in chiave Bce. Dopo il dato tedesco della scorsa settimana, sotto le attese degli economisti, l'indice armonizzato dovrebbe mostrare un rafforzamento all'1,4% dall'1,1%, rivisto al ribasso di febbraio. Il Regno Unito vedrà il rilascio dei dati PMI di marzo per i settori dell'edilizia e dei servizi rispettivamente mercoledì e giovedì. I numeri che emergeranno dal settore servizi potrebbero indirizzare la probabilità di un rialzo dei tassi da parte della Banca d'Inghilterra quando si incontrerà a maggio. Si prevede che la prossima lettura del PMI delle costruzioni Markit / CIPS raggiungerà il 50,8 e quella per il settore dei servizi toccherà il 54,0

EURGBP: dopo aver perso terreno per oltre un mese dai massimi dei primi di marzo, il trend al ribasso potrebbe permanere qualora si rimanesse sotto 0,88 (al momento siamo a 0,8738) con possibile obiettivo il supporto a 0,8667 rappresentato dai minimi del 22 marzo. Sopra 0,88 il primo target è rappresentato dalla media mobile a 200 periodi situata a 0,8891