Primo giovedì del mese e come consueto Mario Draghi se prende le luci della ribalta. Ormai i principali market mover sui mercati finanziari sono i banchieri centrali e ieri ne abbiamo avuto l’ennesima conferma. Come al solito essenziale ma efficace, il Governatore della Bce ha annunciato che la BCE è pronta a rivedere sia la scadenza del suo programma di acquisto di titoli sia la scadenza. SI tratta solo di un annuncio, non poteva essere altrimenti in attesa della riunione della Fed in programma per il 17 settembre, ma tanto è bastato per provocare un calo dell’ 1% dell’Euro rispetto al Dollaro. Nella sostanza i tassi d’interesse non cambiano con il costo del denaro allo 0.05%, il tasso sui depositi marginali resta a -0.2% e quello sui prestiti straordinari allo 0.3%. Contestualmente è stato annunciata anche una lieve modifica della politica di acquisto di titoli, con l'innalzamento della soglia di acquisto delle singole emissioni di titoli dal 25% al 33%. Il problema resta la bassa crescita dell'Eurozona, la bassissima inflazione che potrebbe avere delle ripercussioni anche nelle politiche fiscali dei singoli paesi e sulla stabilità dei conti e il tasso di discoccupazione che si attesta all'11%, esattamente il doppio rispetto agli Stati Uniti. Importante rimbalzo per i principali listini europei con Piazza Affari che guadagna il 2.62%,in linea con l'Eurostoxx 500. Pariticolarmente in salute i titoli bancari e gli energetici sulla scia del rialzo del petrolio. Evento catalizzatore della giornata sarà la pubblicazione del dato relativo ai non-farm payrollche è previsto alle 14.30. Ieri piccola anticipazione con la pubblicazione delle richieste dei sussidi di disoccupazione che ha visto un aumenti di 7000 unità (in totale 282000). Si tratta dell'ultimo dato significativo prima della riunione del 14 settembre e un valore al di sopra o al di sotto delle attese potrebbe rappresentare un segnale importante per gli operatori di mercato sul percorso che la Fed seguirà nel rialzo dei tassi d'interesse. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.