Non c’è intesa tra Atene e Bruxelles circa il piano di riforme che la Grecia deve attuare per poter beneficiare dell’aiuto europeo. Per cui nessuna buona notizia dalla riunione svolta a Riga e si procrastina il tutto alla riunione dell’11 maggio, in prossimità della scadenza della rata di 700 milioni di euro che la Grecia deve al FMI. Secondo Draghi, il tempo stringe e la velocità è essenziale EURUSD: siamo a 1.0875 al momento con resistenza posizionata vicinissima a 1.09 la cui eventuale rottura potrebbe portare il livello dell’Euro a 1.105. solo una rottura sotto la trendline ribassista posta a 1.0680 potrebbe riportare le quotazioni a 1.0520 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.