Quanto accade negli Usa non rimane limitato ai confini americani ma ha una propagazione notevole in ogni dove. In Australia, massimi a una settimana per il dollaro australiano che si lascia alle spalle la discesa susseguente alle parole di Janet Yellen sul probabile rialzo dei tassi Usa nei prossimi mesi. A dare la spinta all’”aussie” i riscontri decisamente migliori delle attese degli avvii di nuove costruzioni che segnano un +3% nel mese di aprile, mentre le aspettative erano per un calo del 3%. Rivisti al ribasso invece i riscontri di marzo (+2,9% dal +3,7% comunicato in precedenza). Il cross tra dollaro australiano e dollaro Usa segna un rialzo dello 0,86% a 0,7244, massimo dallo scorso 23 maggio.