Il referendum britannico imminente e le potenziali turbolenze che il voto potrebbe creare sono stati, tra l'altro, dei fattori che hanno spinto la Fed a non alzare i tassi di interesse nel meeting di giugno. Kashkari presidente della Federal Reserve di Minneapolis, ha dichiarato che, in caso di Brexit, "tutte le opzioni saranno sul tavolo" della Banca centrale americana in modo da essere in grado di gestire questa eventualità e ritiene che un'eventuale uscita di Londra dall'Unione europea avrebbe degli effetti "moderati e diretti". Nel frattempo, proprio in Gran Bretagna, l'attesa pubblicazione di un report, elaborato da un gruppo di economisti pro-Brexit, dovrebbe mettere in evidenza quanto "costano" al Paese i lavoratori non qualificati provenienti dal resto d'Europa, ovvero circa 6 mld di sterline l'anno. Secondo quanto si legge nella nota, gli immigrati ricevono molto piu', in termini di servizi pubblici e di benefici, di quanto pagano in tasse. L'attenuarsi dei timori di una brexit continua a sostenere la sterlina che è reduce dal maggior balzo degli ultimi sette anni contro il dollaro messo a segno ieri. Questa mattina il pound si mantiene sopra quota 1,47 contro il dollaro Usa (1,4701). GBPUSD: E’ stata appena perforata al rialzo la media mobile a 200 periodi. Siamo in zona 1.4720 e il prossimo step è a 1.49. Al ribasso supporto a 1.4330 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.