Il Pil cinese è cresciuto del 6,8% a livello annuale nel terzo trimestre, in linea alle aspettative degli economisti, grazie alla buona performance del settore manifatturiero e delle esportazioni. L'aumento dell'attività industriale e il rialzo dei prezzi delle commodity sono le ragioni principali alla base della solida crescita. Il Pil ha rallentato leggermente rispetto al +6,9%, ma Pechino è sulla buona strada per raggiungere senza problemi il target di fine anno al 6,5%. Bene anche la produzione industriale che è salita del 6,6% a/a e le vendite al dettaglio, cresciute del 10,3% a/a a settembre. Anche se il quadro che emerge è quello di una economia che continua a correre, sotto la superficie Pechino teme la presenza di rischi nel settore finanziario. Dal Congresso del Partito Comunista Cinese sono già arrivati i primi segnali in questa direzione

Dopo il super record di Wall Street ieri, col Dow che ha toccato 23.157 punti grazie a utili societari oltre le attese, oggi anche per il Nikkei continuano i rialzi e alle ore 7:40 si porta a quota 21.452, segnando un +0,42% (poi ha chiuso a +0,4%). E restando in questo modo ai livelli top degli ultimi 21 anni.

Nel frattempo l’Hang Seng cede lo 0,22% e Shanghai perde lo 0,47%. Oro in retromarcia dello 0,35% a quota 1.279,1 dollari per oncia, petrolio americano (Wti) a 52,03 dollari (-0,02%). E dopo essere salito a inizio sessione asiatica 1 1809, l’euro si riporta a 1,1798 contro il dollaro (+0,09%), mentre lo yen si indebolisce contro il biglietto verde a 113,05 (-0,11%) favorendo in questo modo i colossi esportatori giapponesi. Il recente rally della moneta statunitense è stato alimentato dalle indiscrezioni di stampa su una possibile nomina di John Taylor, più falco di Janet Yellen, al vertice della Fed, e dalle aspettative del mercato su un atteggiamento meno accomodante da parte della Banca centrale statunitense.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 19/10/2017

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.