Dopo la reazione al voto abbastanza tranquilla di Piazza Affari (il cui indice Ftse Mib ha limitato le perdite al -0,4%), è atteso un avvio con rimbalzo per la borsa italiana. Intanto sono previsti positivi in apertura anche gli altri listini Ue sulla scia del buon andamento di Wall Street e di Tokyo (Nikkei +1,79%). I listini in Asia festeggiano la buona chiusura di Wall Street e oggi la borsa di Tokyo chiude la seduta in forte rialzo, sostenuta dal calo dello yen sul dollaro che spinge sulle esportazioni. Il Nikkei ha terminato gli scambi guadagnando l'1,79%, a 21.417 punti. Alle ore 7:40 italiane, intanto, l'Hang Seng guadagna l'1,84% e Shanghai è in rialzo dello 0,85%.

Oro in salita dello 0,335 a 1.324,2 dollari l'oncia, petrolio Wti americano in salita dello 0,21% a 62,7 dollari il barile. L'euro sale dello 0,06% contro il dollaro a 1,2343, mentre lo yen risulta molto volatile, si indebolisce all'inizio contro il biglietto verde toccando 106,4 per poi tornare fermo alla chiusura di ieri a Wall Street a quota 106,2.  Sul fronte macro, non si attendono dati di rilievo dall'Europa, mentre negli Usa attesi alle 14:55 l'indice settimanale Redbook e alle 16:00 gli ordini alle imprese di gennaio e gli ordini di beni durevoli di gennaio finali.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 06/03/2018

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.