Si prevede una partenza poco mossa per le principali Borse europee, dopo aver avviato questa settimana in tono negativo. Gli investitori si muovono cauti in attesa delle banche centrali: la Federal Reserve e la Bank of Japan, con quest'ultima che potrebbe aumentare gli stimoli monetari per arginare la salita dello yen. In questo quadro ieri Wall Street ha chiuso in territorio negativo e questa mattina i listini asiatici si muovono sotto la parità con la Borsa di Tokyo che mostra un ribasso di circa mezzo punto percentuale. L'attenzione degli investitori oggi sarà focalizzata sulle trimestrali in arrivo non solo dall'Europa ma anche dagli Usa come quelle di Apple, Facebook, Procter & Gamble e Exxon Mobil. In Europa Il ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble, è fiducioso che la Grecia e i creditori trovino un accordo sulla valutazione del programma di salvataggio del Paese ellenico, ma dubita che la questione possa essere risolta questa settimana. Nel frattempo, sul fronte della Bce, il membro della Bundesbnak, Andreas Dombret, ha affermato che le banche stanno reagendo "piuttosto bene" in un contesto di tassi di interesse in negativo, sebbene la situazione attuale rappresenti una sfida in termini di redditività per gli istituti di credito europei. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.