• Inflazione al centro dell’attenzione degli  operatori di mercato
  • Tra martedì e mercoledì avremo i dati per USA, Regno Unito e Germania
  • Mercoledì verrà pubblicato il dato relativo alla crescita del Pil
  • Giovedì ci sarà il dato sulla disoccupazione australiana

Il calendario economico della settimana sarà caratterizzato dai dati sull’inflazione che verrano pubblicati nel corso della settimana. Come spesso sottolineato nel corso delle ultime analisi, la debole inflazione ha ritardato l’azione delle principali banche centrali verso la normalizzazione delle politiche ultraespansive implementate in reazione alla crisi finanziaria del 2008 e alla crisi dell’eurozona del 2011.

Particolarmente importante sarà il dato di mercoledì sull’inflazione USA, che potrebbe spingere la Fed ad affrettare il ritmo di rialzo dei tassi d’interesse, con chiare implicazioni per i mercati azionari. La correzione della scorsa settimana è stata dovuta soprattutto ai dati positivi sull’occupazione, che hanno finito per modificare le aspettative del mercato finanziario. Su base annua è atteso un aumento dell’indice dei prezzi al consumo dell’1.9%, mentre l’inflazione core (che prescinde dai prodotti alimentari e da quelli energetici) dovrebbe attestarsi all’1.7%.

Martedì alle 10.30 avremo invece il dato sull’inflazione nel Regno Unito, che negli scorsi mesi ha avuto un rialzo piuttosto marcato a causa anche della debolezza della sterlina dopo il referendum per la Brexit. Settimana scorsa il governatore Mark Carney ha annunciato che proprio per questo motivo l’inflazione resterà piuttosto alta anche nei prossimi mesi, al di sopra del target del 2% fissato dalla Bank of England. Per questo motivo settimana scorsa il governatore ha annunciato una stretta imminente dei tassi che al momento sono fermi allo 0.5%. Vedremo se dopo il dato la sterlina riuscirà a riportarsi sopra quota 1.40 contro il dollaro.

Sul fronte europeo sono attesi i dati sull’inflazione per la Germania, che saranno pubblicati mercoledì alle 8, da cui è previsto un aumento su base annua dell’1.4%,  dopo il +1.6% del mese scorso. Sempre mercoledì avremo la pubblicazione dei dati sulla crescita del Pil per Italia e Germania.

In Asia ci sarà mercoledì la pubblicazione del dato sul Pil in Giappone, mentre giovedì all’1:30 ci sarà il dato sull’occupazione in Australia.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 12/02/2018

---------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei cfds">cfds">CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.