Giornata ancora negativa per le borse europee ancora penalizzate dallo stallo della situazione greca, anche se dal fronte negozionale sono arrivati nella giornata di oggi dei timidi segnali di ripresa delle trattative. In particolar modo il primo ministro Tsipras ha proposto un accordo biennale con l'intervento del Fondo salva Stati, mentre la Russia si è tirata fuori definitivamente dai giochi. Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha invece sottolineato come sia impossibile un intervento prima dell'appuntamento elettorale di domenica in Grecia. La conseguenza di questa girandola di notizie è stata una volatilità generalizzata sui mercati ben testimoniata dal nuovo massimo fatto registrare dall'indice Vix. Negativo il Ftse Mib che perde lo 0.48%, con qualche segnale di ripresa per il settore bancario che ha goduto di un leggero rialzo, con le sole eccezioni di Montepaschi di Siena e intesa San Paolo. lo spread è in calo al 153,64 punti. Anche il Bund si mantiene stabile In rosso anche gli altri principali listini, a partire dal Da xche perde al momento l'1.25%