I mercati azionari europei hanno registrato ieri un'altra sessione positiva, con il FTSE 100 in testa, aiutato principalmente da un'impennata delle aziende minerarie, poiché i prezzi dei metalli sono aumentati in seguito alle preoccupazioni che altri produttori potrebbero aggiungersi all'elenco americano delle le società russe sanzionate.

I prezzi del nichel, dell'alluminio, del rame e del platino sono aumentati fortemente, mentre anche i prezzi del petrolio hanno raggiunto nuovi massimi di tre anni, contribuendo a spingere l'indice CRB a un analogo massimo pluriennale, su indiscrezioni secondo le quali l'Arabia Saudita non sarebbe scontenta di vedere i prezzi del petrolio muoversi fino a 100 dollari al barile, probabilmente in modo che possano spingere l'IPO di Aramco alla massima valutazione possibile.

Anche i mercati statunitensi hanno chiuso la giornata in rialzo, sebbene il Dow sia stato trascinato al ribasso da IBM, in quanto gli investitori hanno reagito male alle prospettive future dell'azienda.

L'ultima indagine contenuta nel beige book della Fed ha dipinto un quadro ampiamente positivo dell'economia statunitense, sebbene ci fossero preoccupazioni sull'aumento delle tariffe e sull'effetto che avrebbero potuto avere sulla più ampio quadro generale.

Ciò ha contribuito a spingere i rendimenti a breve termine negli Stati Uniti, con il biennale che ha toccato il 2,43%, avvicinandolo ancora di più al rendimento a 10 anni che si è chiuso al 2,875%, appiattendo ulteriormente la curva dei rendimenti.

Si potrebbe pensare che gli investitori comincino a preoccuparsi degli effetti inflazionistici dei forti rialzi dei prezzi delle materie prime nelle ultime settimane, piuttosto che degli effetti di alcune tariffe che non sono state ancora pienamente implementate.

Per quanto riguarda il Regno Unito, per la maggior parte di quest'anno è stato difficile sfuggire al costante flusso di cattive notizie a proposito delle vendite al dettaglio nel Regno Unito, con profit warning provenienti da tutto il settore retail ai massimi da sette anni.

Nomi di alto profilo, tra cui Toys R Us, Debenhams, Maplins, Mothercare, Moss Bros, Carpetight, Kingfisher e New Look sono in fase di amministrazione controllata o segnalano difficoltà. La lista potrebbe essere allargata, con il pilastro di High Street John Lewis che lancia un warning sul calo delle vendite, tra le notizie di perdite di migliaia di posti di lavoro in tutto il settore nei soli primi tre mesi di quest'anno.

Ci sono state storie di successo degne di nota, con le notizie di questa settimana da JD Sports e Primark, di proprietà di Associated British Foods, che pubblicano alcune trimestrali abbastanza positive, ma tendono ad essere l'eccezione.Contro questo tipo di contesto, si tende ad aspettarsi di vedere i modelli di spesa dei consumatori essere ridiscussi, e mentre non è un segreto che i consumatori nel Regno Unito sono più sensibili ai prezzi, hanno mostrato scarsi segnali di riduzione significativa della spesa finora quest'anno.

I numeri di vendita al dettaglio di marzo di oggi potrebbero naturalmente infrangere questa percezione dei consumatori che si sentono un po 'meglio riguardo alle loro abitudini di spesa.

Finora quest'anno i consumatori sono stati in uno stato d'animo relativamente prudente, con vendite al dettaglio in gennaio e febbraio rispettivamente dello 0,1% e dello 0,8%. I numeri di marzo di questa mattina potrebbero invertire tutti o gran parte di questi guadagni con aspettative di un calo dello 0 5%.

Ciò sarebbe in disaccordo con i numeri del British Retail Consortium della scorsa settimana, che hanno visto un aumento dell'1,2%, che rispetto a un rapporto del PMI dei servizi deludente per marzo dipingono un quadro piuttosto confuso per il mese. È probabile che anche i numeri di oggi siano influenzati da fattori legati al clima, visto il tempo gelido osservato durante tutto il mese.

Su base annua possiamo aspettarci un miglioramento dall'1,2% al 2%.

EUR / USD come di consuetudine da monitorare la resistenza sopra l'area 1.2400 e il supporto a livello 1.2320, all'interno del trading range più ampio di 1.2200 / 1.2500 che continua a dominare. Dobbiamo vedere una rottura sotto 1.2160 o una rottura sopra 1.2540 per suggerire una movimento forte in una delle due direzioni.

GBP / USD - sembra aver fatto un nuovo massimo di breve termine a 1,4376 scivolando sotto la media mobile a 200 settimane a 1,4250 ieri. Questo mancato rialzo potrebbe comportare una movimento più marcato verso la zona 1.4080 a breve termine e persino un nuovo test dei minimi di aprile a 1.3970.

EUR / GBP - ieri, dopo aver trovato supporto nell'area 0,8620, è tornato indietro nell'area 0,8690. Questo potrebbe benissimo fungere da supporto per il ritorno all'area 0.8750. Abbiamo bisogno di vedere un ritorno al di sopra di 0.8750 per suggerire un nuovo test dell'area 0.8800.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 19/04/2018

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei cfds">CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.