L'evento principale di oggi sarà il meeting dell'OPEC a Vienna, dove si prevede che i ministri del petrolio prolungheranno il congelamento dell'output di altri 9 mesi, fino alla fine del 2018. Questo è certamente quello che il comitato ministeriale dei paesi produttori di petrolio ha raccomandato ieri, anche se questa affermazione non ha fermato il prezzo del petrolio, che ha proseguito nella sua correzione verso il basso prima dell’incontro di oggi.

Sembrano esserci alcune preoccupazioni sul fatto che la Russia potrebbe buttare una chiave tra gli ingranaggi, in particolare per quanto riguarda la durata dell'estensione. C'è una certa preoccupazione sul fatto che un congelamento esteso potrebbe lasciare il campo aperto ai produttori americani di shale oil che stanno già pompando a livelli record. Quindi il dubbio più grande non riguarda l'estensione, ma la durata dell'estensione. Dovremmo sapere più tardi oggi.

In quello che è stato un altro mese da record per i mercati statunitensi, abbiamo visto il Dow quasi raggiungere i 24.000, l'S&P 500 scambiato a 2.600 punti, mentre il Nasdaq ha toccato i massimi, anche se ieri ha subito un crollo, calando bruscamente dopo la pubblicazione report secondo i quali le aziende tecnologiche non avranno importanti benefici dalla riforma fiscale. Abbiamo anche visto l'interesse per le criptovalute esplodere fuori dai grafici.

Al contrario, i mercati europei hanno sottoperformato anche se il DAX ha fatto registrare un nuovo record all'inizio di questo mese, sembra che potremmo concludere il mese in ribasso su tutto il fronte, con anche il FTSE100 sotto la chiusura di ottobre.

Questa sottoperformance dei mercati europei potrebbe essere ricondotta allo slittamento del dollaro USA questo mese, che ha assistito alla riconquista di terreno dell'euro e della sterlina.

Da una parte, la sterlina ha avuto una settimana turbolenta sostenuta dalla notizia che una formula per elaborare il disegno di legge sulla Brexit è stata concordata ma limitata dall'altra per le preoccupazioni che i diritti dei cittadini dell'UE e la questione del confine irlandese devono ancora essere concordati. Se da un lato si tratta di problemi significativi da superare, dall'altro devono essere soppesati dal rischio che, in assenza di un accordo, l'Unione europea possa benissimo debba dare l'addio ad una cifra vicina ai 50 miliardi di euro.

È stato anche un mese discreto per l'euro contro il dollaro USA, sostenuto dal miglioramento dei dati economici per tutto il blocco continentale, sebbene in un contesto di inflazione benigna, anche se questo potrebbe cambiare con le ultime stime di oggi per l’indice dei prezzi al consumo di novembre sempre che i numeri tedeschi migliori del previsto di ieri possano rappresentare una guida, dati che si sono rivelati al di sopra delle aspettative.

Si prevede che l'indice dei prezzi al consumo dell'UE aumenti fino all'1,6% dall'1,4% di novembre, con i prezzi core che saliranno all'1% dallo 0,9%.

I dati economici degli Stati Uniti di ieri hanno mostrato che l'economia degli Stati Uniti è cresciuta del 3,3% su base annua nel terzo trimestre sollevando la questione di quanto bene avrebbe fatto, se non fosse stato per la stagione degli uragani transatlantici. Anche il terzo trimestre l’indice dei prezzi al consumo è aumentato all'1,4%, il che suggerisce che le pressioni sui prezzi potrebbero iniziare a crescere.

Il capo della Fed Janet Yellen, che ha recentemente espresso perplessità sul motivo per cui l'inflazione sembra essere così debole, potrebbe non dover aspettare molto per vedere se l'aumento dell'attività economica si traduca nell'inevitabile passaggio ad una maggiore inflazione.

La misura mensile dell'inflazione sui dati core PCE di oggi, la preferita dalla Fed, per ottobre dovrebbe mostrare un tasso di inflazione dell'1,4%, in rialzo dall'1,3% di settembre, una piccola tacca più alta ma ancora una strana anomalia se osservata attraverso il prisma dei recenti dati elaborati dall’ISM, che hanno mostrato un rapido aumento dei prezzi.

Bitcoin, che fino alla estate era stato poco più di una distrazione passeggera per la maggior parte degli investitori sembra stia iniziando ad essere accettato come una sorta  di porto sicuro, come deposito di valore, o anche una scommessa, in qualsiasi modo si voglia definirlo, ma comunque si volgia descrivere l'interesse, ha visto il prezzo salire in modo parabolico negli ultimi giorni. Gli i mercati centralizzati sembrano fare la fila per offrire i futures sui bitcoin con il Nasdaq, ieri ha affermato di seguire il CME e offrire i futures sui bitcoin nella prima metà del 2018.

Questo mese da solo, il prezzo di Bitcoin è passato da $ 6.377 alla fine di ottobre per essere scambiato a poco meno di $ 12.000, prima che unoa correzzione ieri lo riportasse sotto i $ 10.000. Alla fine della scorsa settimana ha chiuso a $ 8.249 e a un certo punto si è spostato di oltre $ 3.000 solo questa settimana.

EURUSD - ieri ha fatto un minimo di 1,1815 prima di rimbalzare, ma sembra che si stia accumulando per tornare alla zona 1.1720. Un ritorno al di sopra di 1.1900 comporterebbe un nuovo target verso l'area di 1.1970.

GBPUSD - ha spinto verso l'alto superando l'area di 1.3450 e la forza del rimbalzo da 1.3220 suggerirebbe che potremmo andare più in alto, verso 1.3580, e verso i massimi di settembre. Al di sotto di 1.3220, il target diventa l’area 1.3120.

EURGBP - ha spinto al di sotto del supporto nell'area 0,8815 / 20 e potrebbe dirigersi più in basso per ritestare la media mobile a 200 giorni, a 0,8790 e i minimi di novembre a 0,8735. Ha bisogno di tornare al di sopra dell'area 0.8900 per retarget l'area 0.8960.

USDJPY - Il rimbalzo dalla zona 111,20 ci ha visto tornare sopra il MA di 200 giorni, e il passaggio fino alle 112,00 ci ha permesso di tornare al livello di 112,80 e 50 giorni di MA.

Fonte : CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 30/11/2017


---------------------------------------------------------------------------------
Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei cfds">CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.