I mercati statunitensi hanno continuato da dove erano rimasti venerdì, chiudendo ai massimi storici grazie ai guadagni in titoli tecnologici ed energetici, mentre i prezzi del greggio Brent hanno toccato un altro massimo a 30 mesi a $ 65 al barile, dopo che è stato riferito che il giacimento petrolifero di Forties nel Mare del Nord è stato chiuso a causa di una perdita di petrolio.

Si prevede che questi nuovi record si traducano questa mattina in un'apertura positiva del mercato, probabilmente guidata dai titoli energetici e in vista di un diluvio di annunci chiave delle banche centrali nei prossimi giorni. Il dollaro USA ha continuato la sua recente corsa positiva dal momento che la riunione di due giorni della Federal Reserve di questa settimana si avvicina e si anticipa l'aumento dei tassi di 25 punti base previsto per domani, che sarà il terzo quest'anno.      

Avendo apparentemente messo nello specchietto retrovisore la fase uno dei colloqui Brexit con l'accordo della scorsa settimana, l'attenzione ora ritorna agli ultimi dati economici dopo che l'ultimo PMI di novembre sembrava mostrare un'economia del Regno Unito che, sebbene in ritardo rispetto ai suoi pari europei, sembra ancora in crescita ad un tasso abbastanza buono.

È anche importante ricordare che la storia di crescita del Regno Unito è leggermente più matura rispetto al resto d'Europa, avendo pubblicato numeri economici abbastanza forti dal maggio 2013, a differenza della Francia, ad esempio, che ha iniziato a sovraperformare il Regno Unito quest'anno.

Il mese scorso la Banca d'Inghilterra ha innescato il primo rialzo dei tassi d'interesse dopo la crisi finanziaria, invertendo il taglio dei tassi di emergenza dello scorso anno sulle preoccupazioni per l'aumento della pressione inflazionistica.

A ottobre, il governatore della Bank of England Mark Carney è riuscito a schivare una pallottola e non ha dovuto scrivere una lettera al cancelliere dello Scacchiere per spiegare perché la banca centrale avesse mancato il suo obiettivo di inflazione di oltre l'1%, dal momento che l’indice genarale dei prezzi al consumo era rimasto invariato al 3%.

I dati dei prezzi al consumo di novembre di oggi dovrebbero rimanere invariati al 3%, in linea con le previsioni inflazionistiche della Banca, ma non sorprenderebbe se avessimo alzato la testa al di sopra del 3%, spingendo il Governatore a mettere la penna sulla carta. Novembre ha visto un aumento significativo dei prezzi del petrolio greggio che a sua volta ha visto aumentare i prezzi della benzina al distributore.

Si prevede inoltre che i prezzi core rimangano invariati al 2,7%, il che, se confermato, aumenterebbe le aspettative che il peggio sia passato per i prezzi al consumo

Il giudizio continua a rimanere in sospeso su questa aspettativa, dato che i PMI della scorsa settimana hanno mostrato che le aziende hanno aumentato i prezzi al più alto tasso dal 2008, e questo potrebbe riflettersi anche negli ultimi numeri di input PPI, che dovrebbero mostrare un aumento al 6,7% dal 4,6%.

Le ultime stime per i prezzi al dettaglio RPI del Regno Unito, sono per un aumento del 4,1% dal 4%, che sarebbe una notizia sgradita per i consumatori tartassati così come per la Banca d'Inghilterra quando ci sarà il meeting questa settimana per l'ultima volta quest'anno.

L'inflazione negli Stati Uniti è leggermente più favorevole per il momento, i dati sulle retribuzioni della scorsa settimana dai numeri dei salari di venerdì novembre hanno mostrato un aumento rispetto ai numeri di ottobre, ma sono stati inferiori alle attese, attestandosi al 2,5% riflettendo un ambiente inflazionistico leggermente più debole.

Ciò dovrebbe essere confermato dai numeri PPI di novembre di oggi, che dovrebbero rimanere stabili al 2,4%.

EURUSD: ha trovato supporto la scorsa settimana al livello 1.1730 prima del rimbalzo e rimane bloccato in un intervallo più ampio tra 1.1500 e 1.2000. Abbiamo una resistenza vicino all'area 1.1910, mentre una rottura sotto 1.1700 comporterebbe come target i minimi di novembre a 1.1570.

GBPUSD - un altro falso breakout al di sopra dell'area di 1,3500 ha visto la sterlina risalire verso il supporto nell'area 1,3320. Una rottura al di sotto potrebbe ben segnalare ulteriori perdite verso il supporto della linea di tendenza dai minimi di marzo, che si aggira intorno all'area 1.3240. Mentre al di sopra di questo livello il trend rialzista e la prospettiva di ulteriori guadagni verso 1,3660 rimangono intatti.

EURGBP - ha fatto un nuovo minimo marginale a 0,8689 prima di rimbalzare fortemente sopra l'area 0,8740. Questo potrebbe ben vedere un retest della media mobile a 50 giorni a 0.8880. Un suporamento del livello 0.8880 comporta come target l'area di 0.8980.

USDJPY - Dopo aver superato l'area 113,20, ora potremmo assistere ad un ritorno ai massimi recenti appena sopra il livello di 114,00. Una discesa  al di sotto di 113,20 negherebbe questo e sosterrebbe un ritorno verso il 112,50 e poi verso l'area 111.60.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 12/12/2017

-----------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei cfds">CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.