L'incertezza politica sta pesando sul sentimentdegli investitoti in Spagna e in Italia, e la differenza tra Europa meridionale e settentrionale si sta delineando in modo chiaro ancora una volta.

In una certa misura, il sentiment negativo nel sud sta pesando anche a nord. Dato che ieri i mercati del Regno Unito e degli Stati Uniti erano chiusi per le vacanze, avremmo potuto vedere perdite ancora maggiori nell'Europa meridionale.

Il Movimento Cinque Stelle e il partito della Lega non formeranno una coalizione dopo che il presidente italiano ha bloccato la nomina del ministro delle finanze deisgnato. Carlo Cottarelli sarà incaricato come primo ministro pro tempore. L'obiettivo della mossa è di fornire una certa stabilità politica all'Italia a breve termine. Si parla di altre elezioni generali alla fine dell'anno o all'inizio del 2019. I sondaggi di opinione suggeriscono che il Movimento Cinque Stelle e il partito della Lega guadagnerebbero terreno perché il sentimento populista continua a crescere. Gli investitori stanno diventando ancora più nervosi riguardo allo stato della politica italiana e i rendimenti dei titoli di stato stanno aumentando, mentre le azioni sono sottoposte a forti pressioni.

Mariano Rajoy, il primo ministro spagnolo, è su una sottile lastra di ghiaccio e rischia di perdere l'incatico, dato che venerdì si terrà un voto di sfiducia. Anche la Spagna sta sopportando l'incertezza politica e, a seconda del risultato di venerdì, potrebbero esserci elezioni nel breve termine.

L'incertezza politica nella zona euro non avrebbe potuto arrivare in un momento peggiore in quanto la regione sta attraversando un periodo di debolezza economica. L'inflazione primaria e core è scivolata all'indietro, il che indica una domanda in calo - l'esatto opposto di ciò che vuole la Banca Centrale Europea. I PMI servizi di Francia e Germania non solo sono risultati inferiori rispetto alle aspettative degli economisti, ma hanno anche mostrato un rallentamento del tasso di crescita.

I verbali della Federal Reserve della scorsa settimana si sono rivelati neutrali. Poco prima del meeting del FOMC i trader stavano anticipando che la banca centrale degli Stati Uniti potesse gettare le basi per altri tre rialzi dei tassi quest'anno. Gli operatori stanno anticipando in gran parte un rialzo dei tassi il mese prossimo, ma al di là di questo, gli investitori sono un po' incerti. La scorsa settimana il dollaro americano ha preso una pausa sulla scia dell'aggiornamento della Fed, ma la tendenza al rialzo è stata ripresa. Il non farm payroll di venerdì sarà attentamente monitorato, in quanto potrebbe fornire indizi su ciò che farà la banca centrale statunitense alla fine dell'anno. I redditi saranno di particolare importanza in quanto avremmo bisogno di vedere una crescita costante dei redditi per consentire alla Fed di giustificare l'inasprimento della politica monetaria ad un ritmo più veloce rispetto agli anni precedenti.

Il mercato petrolifero è sceso alla fine della scorsa settimana, dopo che è stato riferito che la Russia e l'Arabia Saudita stanno valutando di ridurre i limiti di produzione. L'OPEC si riunirà il prossimo mese e gli operatori si stanno preparando alla possibilità di aumentare la produzione. Il mercato petrolifero ha registrato una forte tendenza al rialzo da un anno, e recentemente abbiamo visto il mercato raggiungere i massimi da 42 mesi. L'annuncio dall'Arabia Saudita e dalla Russia ha sconvolto il mercato petrolifero.

EUR / USD - ha perso molto terreno dalla metà di aprile. Se rimane sotto 1.1670 potrebbe aprirsi la strada per 1.1554 . I tentativi di rimbalzo potrebbero imbattersi in resistenze a 1.1829, e se tale livello venisse superato, potrebbero mettere nel mirino 1.1996.

GBP / USD - rimane nella sua tendenza ribassista da metà aprile e se 1.3300 fosse rotto potrebbe raggiungere l'obiettivo di 1.3200. Una mossa sopra 1,3450 potrebbe portare a 1,3573, rimettendo la media mobile a 200 giorni in gioco.

EUR / GBP - è scesa a maggio e, se la mossa ribassista continuasse, potrebbe raggiungere 0,8680. Sarebbe necessaria una rottura sopra 0.8845 per annullare la recente mossa ribassista.

USD / JPY - ha fatto un pullback dopo un rally di due mesi, e se rimanesse sopra il minimo di maggio di 108,65, potrebbe ripetere il test di 111,39. Una mossa sotto 108.65 potrebbe rimettere il livello di 108.00 in gioco.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 29/05/2018

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.