Barratt Developments ha registrato un aumento del 9,2% dell'utile prima delle imposte per l'intero anno a 835,5 milioni di sterline, rispettando le previsioni dell'azienda. I ricavi e il margine lordo sono aumentati rispettivamente del 4,8% e dello 0,7%.

I completamenti delle case sono aumentati dell'1% a 17579 unità, il massimo dell'ultimo decennio. Il prezzo medio di vendita è aumentato del 5% a 289.000 sterline. Il costruttore di case ha detto che un terzo delle proprietà  vendute nel Regno Unito sono state classificate come “sostenibile”, cosa che sottolinea la bolla immobiliare nel Regno Unito.

Come già detto, la domanda rimane solida e l'azienda ha anche un buon portafoglio di prenotazioni, in quanto le vendite su carta sono aumentate dell'11,1%. Il dividendo finale è aumentato del 4,7% a 17,9 pence, portando il dividendo totale a 43,8 pence, in aumento del 5% rispetto all'anno precedente. La società è ben posizionata per continuare a migliorare le sue prestazioni future. Barratt Developments ha espresso preoccupazione per Brexit e ha affermato che si concentrerà sulla ricera di lavoratori qualificati - uno dei maggiori problemi del settore delle costruzioni.

Il costruttore di casa ha avuto un utile record nel primo semestre, e l'annuncio di questa mattina ha confermato che la società ha continuato sua corsa positiva. Nei primi sei mesi dell'anno, l'utile prima delle imposte è aumentato del 6,8% e le entrate sono aumentate del 9 5%. A metà febbraio, le vendite totali sono aumentate del 2%, quindi la domanda è chiaramente forte.

Il mese scorso, la Bank of England (BoE) ha aumentato i tassi di interesse per la prima volta dalla crisi del credito. Il governatore della BoE, Mark Carney, ha emanato una guidance secondo cui possiamo aspettarci un rialzo dei tassi all'anno per i prossimi anni. Poiché i livelli del debito privato sono elevati, nel breve termine, è improbabile che i maggiori costi del debito riducano l'appetito per le case, ma le prospettive a medio termine potrebbero esserne influenzate.

Secondo le statistiche di Nationwide, la casa media del Regno Unito ha perso valore per lo 0,5% in agosto - il suo calo più consistente in sei anni. Su base annua, i prezzi medi delle abitazioni sono aumentati del 2%, e questo rispetto alla crescita del 2,5% di luglio. La fase di raffreddamento del boom immobiliare sembra essere finita.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 05/09/2018

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei  cfds">CFD e del Forex alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.