Europa

I mercati azionari europei soffrono ancora degli stessi problemi, delle difficili relazioni commerciali a livello globale e dell'indebolimento delle economie dei mercati emergenti. Questi argomenti sono rimasti sospesi sul mercato per tutta la settimana ei concessionari non mostrano alcun interesse per attività relativamente rischiose come le azioni.

Le azioni di Bovis Homes sono in rialzo dopo che la società ha annunciato un balzo del 41% nei profitti del primo semestre, e il gruppo ha confermato che è sulla buona strada per ottenere un profitto record per l'intero anno. I completamenti lavori sono aumentati del 4% e le entrate sono aumentate dell'1%. Il costruttore di case ha affermato che la domanda è forte grazie alle politiche di prestito delle banche, allo schema di aiuto per l'acquisto e ai tassi di interesse più bassi. L'acconto sul dividendo è stato aumentato dal 27% al 19 pence, e per la prima volta è stato annunciato un dividendo speciale, e il pay-out è stato di 45 pence. Non ci sono però solo buone notizie, il prezzo medio di vendita è sceso del 5,3%, il che sottolinea il raffreddamento del mercato immobiliare. Se il prezzo delle azioni rimanesse inferiore alla media mobile a 200 giorni a 1.158 pence, le sue prospettive potrebbero rimanere negative.

Le azioni di Centrica hanno ricevuto una spinta dall'annuncio di Ofgem, il regolatore, secondo cui i prezzi saranno limitati. L'agenzia governativa ha rivelato un limite di prezzo per le bollette di energia a doppia alimentazione di default di 1136 pound, mentre un gruppo di analisti intervistati prevedeva un intervallo compreso tra 1.120 e 1, 200 pound, il che significa che il limite si è allineato alle aspettative più basse. Molte incertezze sono state sollevate dal settore e abbiamo visto i trader guardare favorevolmente il settore.

Melrose ha dichiarato di aver compiuto buoni progressi nella ristrutturazione di GKN, che ha acquisito all'inizio di quest'anno. Melrose è specializzato nel ristrutturare le aziende e ha confermato che la riorganizzazione di GKN ha "liberato" le singole imprese dalla burocrazia della sede centrale. Il gruppo ha registrato una perdita statutaria di 303 milioni di sterline, ma quando si eliminano i costi una tantum, l'azienda ha visto i profitti balzare dell'83% a 240 milioni di sterline.

Stati Uniti

Le azioni a New York sono contrastati mentre i trader sono ancora preoccupati per le tensioni commerciali. I colloqui USA-Canada sono ancora in corso e c'è la possibilità che possano continuare per settimane, e senza una data di fine attesa, gli investitori rimarranno probabilmente nervosi. Le tensioni commerciali sono ancora aumentate per quanto riguarda la Cina.

Anche i dati sull'occupazione negli Stati Uniti hanno raccontato una storia incerta. L'ultimo rapporto sull'occupazione dell'ADP ha mostrato che in agosto sono stati aggiunti 163.000 posti di lavoro, ben al di sotto dei 200.000 previsti dagli economisti. Il rapporto di luglio è stato rivisto al ribasso a 217.000 da 219.000. Il rapporto sulle richieste di sussidio di disoccupazione è sceso da 213.000 a 203.000 al valore più basso da 49 anni. I costi del lavoro sono diminuiti dell'1% nel secondo trimestre e ciò suggerisce che potremmo assistere nè a una crescita dei salari non impressionante nè dell'inflazione nel prossimo futuro. L'aggiornamento di oggi ha posto le basi per il rapporto sui non farm payroll di domani.

Il rapporto ISM non manifatturiero di agosto è aumentato fino a 58,5, da 55,5 a luglio. Tenendo presente che il rapporto ISM di produzione di ieri ha toccato un massimo di 14 anni, ne esce un'istantanea dell'economia statunitense positiva.

Barnes & Noble ha registrato una perdita netta del primo trimestre di 23 centesimi per azione, che è un aumento considerevole rispetto alla perdita di 15 centesimi per azione registrata lo scorso anno. I ricavi totali sono diminuiti del 6,9% mentre le vendite sono diminuite del 6,1% se consideriamo gli stessi negozi. Il gruppo ha ammesso che tagliare i costi non fornirà un percorso verso la redditività a lungo termine del commercio al dettaglio, il che suggerisce che si prospettano tempi difficili. Il titolo è in declino da oltre due anni e se la mossa ribassista continuasse potrebbe raggiungere 4 dollari.

Forex

EUR/USD è in rialzo anche se gli ordinativi industriali tedeschi sono scesi dello 0,9% a luglio, un risultato ben lontano dall'aumento dell'1,8% previsto dagli economisti. L'aggiornamento deludente potrebbe essere una conseguenza della relazione tesa tra l'UE e gli Stati Uniti in merito al commercio.

GBP / USD è in rialzo oggi nonostante l'incertezza dei trader sulla Brexit. La sterlina è salita ieri quando è circolata una notizia secondo cui sia i governi britannico che quello tedesco avevano abbandonato i dettagli per rendere più facile il raggiungimento di un accordo. L'amministrazione di Berlino ha confermato che la notizia era inaccurata, il che ha provocato un'inversione della sterlina. Questa mattina, la CSU - il partito gemello della Christian Democratic Union, ha invitato l'UE ad evitare una hard Brexit. La CSU ha sede in Baviera e, data la considerevole industria manifatturiera nella regione, non sorprende che siano desiderosi di trovare una soluzione con il Regno Unito.

Bitcoin ed Ethereum sono ancora in ribasso oggi, dopo che ieri è stato riferito che Goldman Sachs sta mettendo da parte i piani per istituire uno desk per la negoziazione di criptovaluta. Quando i principali player di Wall Street si astengono da questi mercati, si invia un messaggio sbagliato sui prodotti. Ethereum è sceso al livello più basso in quasi un anno, e se la tendenza ribassista continuasse potrebbe raggiungere 200,00 dollari

Materie Prime

L'oro è in rialzo oggi in scia alla debolezza del dollaro. Il metallo ha avuto una forte correlazione negativa con il biglietto verde e oggi non è stato diverso. Il mercato dell'oro ha trascorso gran parte della scorsa settimana dentro e intorno al livello di 1.200 dollari psicologicamente importante. Se il metallo rompesse al rialzo il massimo di fine agosto, potrebbe spianare la strada a ulteriori guadagni.

Il petrolio WTI e Brent hanno visto un balzo della volatilità in scia al rapporto dell' Energy Information Administration (EIA) nella fase di pubblicazione. Secondo l'aggiornamento dell' EIA, le scorte statunitensi sono diminuite di 4,3 milioni di barili, mentre i trader si aspettavano un calo di 1,29 milioni di barili. Le scorte della benzina sono salite di 1,84 milioni di barili, e la stima di consenso era per un un aumento di 810.000 barili.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 06/09/2018

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei  CFD e del Forex alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance