I mercati azionari globali hanno iniziato il mese con il piede giusto, grazie al miglioramento dei dati PMI manifatturieri cinesi e statunitensi per marzo.

Il fatto che il PMI manifatturiero europeo sia stato eccezionalmente debole e che i consumatori statunitensi abbiano lmitato le spese è stato trascurato mentre i mercati statunitensi hanno chiuso ai massimi livelli quest'anno.I mercati asiatici hanno preso spunto dalle forti sessioni in Europa e Stati Uniti, chiudendo in rialzo per il secondo giorno di seguito, mentre gli investitori hanno guardato al riavvio dei colloqui commerciali tra Stati Uniti e Cina a Washington questa settimana.

Anche i mercati europei hanno aperto al rialzo con il FTSE100 che ha sovraperformato a causa della sterlina più debole.

Rolls Royce è al centro dell'attenzione, con le azioni che stanno scendendo dopo che Singapore Airlines ha messo a terra due aerei Boeing 787 a causa di problemi nei suoi motori Tren 1000 TEN, dove sono state riscontrate crepe nelle pale dei ventilatori.

La compagnia aerea low cost Wizz Air ha sorpreso i mercati questa mattina dopo aver riferito che si aspetta che i profitti si attestino nella fascia più alta della guidance, finendo per  mettere in evidenza l'avvertimento di ieri di Easyjet che la Brexit probabilmente frenerà le sue performance nel secondo semestre. Wizz ha dichiarato di aspettarsi di realizzare profitti tra 270 milioni e 300 milioni di euro.

La società ha citato una forte domanda con fattori di carico in aumento di 2,6 punti al 94,1%. Anche i ricavi per posto sono aumentati, mentre il numero di passeggeri è cresciuto del 10%. A differenza di Easyjet, il suo focus sull'espansione delle sue reti nell'Europa orientale sembra stia pagando dividendi con una forte crescita nei dati di traffico di marzo.

Ci sono stati scarsi progressi nel corso della notte in relazione a ciò che i parlamentari possono condividere in relazione a un risultato Brexit. La parte più divertente della giornata è stata quando i manifestanti contro cambiamento climatico hanno inscenato una protesta mettondosi seminudi e incollando se stessi ai pannelli di vetro nell'area di osservazione, che si affaccia sulla camera.

Gli eventi della scorsa notte hanno assunto un tono per certi versi familiare con i parlamentari uniti nel dichiarare ciò che non volevano, in quanto quattro voti indicativi parlamentari hanno avuto lo stesso risultato dei voti indicativi della settimana scorsa. Guardando al lato positivo della vicenda, sembra che vi sia stato un certo movimento con le varie opzioni che hanno perso con un piccolo numero di voti, con l'opzione dell'unione doganale che ha perso tre voti, da 273 a 276. La seconda opzione del referendum è scesa di 12 voti ed è stata la opzione più popolare guadagnando 280 voti, tuttavia è stata anche l'opzione più impopolare con 292 voti contrari insieme alla revoca dell'articolo 50.

Cosa ci dicono questi movimenti a proposito dell'opzione che potrebbe ottenere il sostegno dei parlamentari in qualsiasi votazione di follow-up di mercoledì, sempre che ce ne sia una? La risposta non è molto, semplicemente a causa del numero di astensioni che in alcuni casi hanno riguardato 100 parlamentari e in quanto tale è difficile determinare con un certo grado di certezza in che modo la maggior parte di questi parlamentari potrebbe shierarsi quando arriverà il momento decisivo, in un vero voto reale e vincolante.

Come conseguenza della situazione di stallo della scorsa notte, la sterlina è tornata a ritracciare, dato che i mercati si sono concentrati ancora una volta sull'attuale posizione predefinita, che resta ancora quella di un no-deal il 12 aprile secondo quanto stabilito dalla legge.

La risposta dell'UE è stata prevedibile quanto inevitabile, dato che il negoziatore capo Michel Barnier ha ribadito che l'accordo di ritiro è l'unico accordo sul tavolo per un'uscita ordinata e che l'UE era pronta a un accordo e che tale risultato è diventato molto più probabile.

L'UE ha anche affermato che ci dovrebbe essere una scadenza finale specifica per un'estensione da concordare, che guardando all'attuale situazione di stallo sembra ancora più lontano che mai e questo prima ancora di considerare la possibilità di un'altra elezione, il che potrebbe accadere se i parlamentari non fossero in grado di trovarsi d'accordo su una via d'uscita dall'attuale stallo e decidano di gettarsi in balia dell'UE per ottenere altro tempo in caso di un simile evonto.

Questo è il punto su cui probabilmente si concentrerà la riunione del governo di oggi e se valga la pena tentare di far risorgere l'accordo di ritiro di Theresa May per la quarta volta.  L'UE ha chiarito che è l'unico accordo sul tavolo, tuttavia il presidente dell'Assemblea ha chiarito che è improbabile che lo consideri di nuovo e ci sono anche un certo numero di parlamentari che hanno dichiarato che non lo voteranno di nuovo.

I prezzi del Bitcoin sono aumentati nel corso della notte, spingendosi oltre il livello di 5000 dollari per la prima volta da novembre, con poche notizie che avrebbe potuto guidare il rally. È probabile che trovi resistenza in corrispondenza della media mobile a 200 giorni che attualmente si trova intorno al livello di 5255 dollari.

I mercati statunitensi sembrano destinati ad aprire in marginale ribasso, prima della pubblicazione dei dati sulle vendite di beni durevoli a febbraio, che dovrebbero mostrare un aumento dello 0,1%, esclusi i trasporti, sollevando preoccupazioni circa la capacità di ripresa dei consumatori statunitensi dopo che le vendite al dettaglio negli Stati Uniti sono diminuite dello 0,2% su base mensile.

La brillantezza sembra essere venuta meno per Lyft molto più rapidamente del previsto, dato che le azioni sono scivolate al di sotto del loro prezzo IPO negli scambi statunitensi la scorsa notte. Questa mancanza di entusiasmo sembra essere venuta dalla consapevolezza che la società difficilmente potrà essere redditizia nel prossimo futuro. Con perdite che si aggirano intorno al miliardo di dollari, la domanda che avrebbe dovuto essere posta è quanto a lungo può un'azienda, che ha solo un'esposizione al mercato nordamericano, sostenere una simile posizione di cassa. Per competere davvero contro una società come Uber che ha un'esposizione più internazionale, avrà bisogno di investire molto più denaro se vuole competere in condizioni di parità.

Sul fronte degli utili avremo l'ultima trimestrale della statunitense Walgreens Boots, leader mondiale nella distribuzione di prodotti per la salute e la bellezza. Alla fine dello scorso anno la società ha annunciato piani per tagliare costi per 1 miliardo di dollari nei prossimi tre anni, dopo aver riportato dati che hanno battuto le stime sia su entrate che profitti.Le azioni hanno faticato nonostante un forte rimbalzo nei mercati statunitensi in generale. Le preoccupazioni in merito alla riduzione dei margini e la possibilità che Amazon entri nel mercato e rivoluzioni il settore sembrano aver rafforzato la riluttanza da parte degli investitori a rientrare in questo settore. Le azioni sembrano avere una solida base a 58 dollari, che ha rappesentato un pavimento per il prezzo da ottobre 2014. Un ribasso al di sotto di questo livello potrebbe accelerare ulteriormente la debolezza se gli investitori percepissero che l'azienda non può raggiungere gli obiettivi di ricavi e profitti.

Fonte : CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 02/04/2019


------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.