La sterlina proviene da nove giorni di ribasso contro l'euro e indubbiamente non sono immuni da questa caduta le speculazioni sul futuro del primo ministro britannico Theresa May e su qualsiasi probabile successore. C’è la possibilità che a sostituire l’attuale primo ministro possa essere Boris Johnson ma ciò non cambierebbe la matematica complessiva nella Camera dei Comuni. Qualunque sia lo schieramento politico di appartenenza, sta diventando sempre più chiaro che la premiership di Theresa May sia agli sgoccioli 

In caso di elezioni la possibilità di una guida da parte di Jeremy Corbyn con un  governo laburista sembra una pista molto concreta e ciò è sottolineato da sondaggi elettorali che depongono in tal senso. Che la sterlina stia risentendo di questa eventualità?

EUR/GBP: La sterlina ha continuato a sprofondare, sia contro il dollaro USA sia contro l'euro. Con l’euro siamo al decimo giorno di caduta consecutivo, vicini ai record negativi di oltre 15 anni. Dopo aver superato l'area di 0.8720, il rischio è un passaggio attraverso la media mobile a 200 giorni vicino al livello di 0.8800. Dobbiamo mantenerci sopra l'area di 0.8680 perché si realizzi questo scenario o rischiamo di tornare indietro nella zona di 0.8620.