La volatilità è rimasta bassa per le azioni asiatiche questo lunedì successivo alla pausa festiva nei mercati statunitensi, con una serie di dati macroeconomici statunitensi ed europei che potrebbero portare nuovi indizi di cambiamenti fondamentali nel corso di questa settimana.

Il dollaro USA è rimbalzato contro le altre valute dei paesi sviluppati, poiché le incertezze sono ancora largamente associate all'approvazione di un accordo sulla Brexit da parte del parlamento per il premier May, spingendo al ribasso sia la sterlina che l'euro. Il prezzo del greggio è diminuito per la sesta settimana consecutiva dall'inizio di ottobre a circa 59,3 dollari al barile. L'aumento della produzione USA e una la prospettiva di un OPEC riluttante a contenere l'offerta pesano sui prezzi del petrolio. Le tensioni commerciali che oscurano la domanda energetica globale hanno ulteriormente smorzato le prospettive. Tecnicamente, il Brent ha superato un livello di supporto chiave intorno a un'area di 60,3 dollari e il suo prossimo supporto principale potrebbe essere trovato nell'area US 54,1 (76,4% del ritracciamento di Fibonacci).

Lo STI di Singapore si è consolidato intorno a 3.040-3.050 venerdì, con una minore volatilità e un volume di scambi dovuto ai mercati statunitensi chiusi per le festività del Ringraziamento e il Black Friday. Lo stallo commerciale in atto tra Stati Uniti e Cina sta ancora pesando sul sentiment. Nel breve termine, il rialzo è limitato da prospettive di crescita moderate per l'economia di Singapore, mentre eventuali cali sono attenuati da valutazioni relativamente economiche.

Questa settimana, il vertice del G20 rischia di dominare il mercato in quanto è ampiamente visto come un'opportunità per la Cina e gli Stati Uniti di rompere una spirale negativa nei mercati finanziari. Il mercato è cautamente ottimista riguardo all'incontro "Trump-Xi" poiché la recente volatilità del mercato e la debolezza dei dati macro indicano che la guerra commerciale ha iniziato a erodere anche l'economia statunitense, spingendo sia gli Stati Uniti che la Cina a cercare un modo più diplomatico per risolvere le controversie. Sebbene esistano ancora divergenze significative su alcuni temi come la sicurezza, proprietà intellettuale, commercio e tecnologia, anche un temporaneo cessate il fuoco nelle questioni commerciali probabilmente potrebbe calmare i nervi del mercato. Tuttavia, se ciò che è accaduto nelle recenti riunione dell'APEC si ripetesse per il G20, il sentiment potrebbe rapidamente inacidire e probabilmente vedremo più sangue sulla strada.

• 26 novembre (lunedì)

o PMI manifatturiera flash in Giappone - un indicatore economico chiave per il settore manifatturiero, che contribuisce in modo determinante all'economia giapponese. La lettura flash PMI è in rialzo da tre mesi consecutivi dino al 53,1 di ottobre e potrebbe rimanere positiva a causa dei forti ordini di esportazione nel mese di ottobre.

o Produzione manifatturiera Singapore anno su anno- La crescita del prodotto manifatturiero di Singapore ha raggiunto un punto di flessione a ottobre, in calo dello 0,2% su base annua nel mese di ottobre, in gran parte a causa del continuo rallentamento della produzione elettronica (-5,5% a / a), produzione generale (-2,7 %) e prodotti chimici (-7,1%).

o Sondaggio IFo sulle imprese in Germania - previsto in calo a 102,2 rispetto alla lettura del mese precedente di 102,8 in quanto le prospettive di crescita sono offuscate dalle incertezze commerciali e dalla crescita più lenta a livello globale

• 27 nov (martedì)

o Indice di fiducia dei consumatori negli Stati Uniti - un indicatore importante della spesa dei consumatori, che rappresenta i due terzi di tutta l'attività economica. La previsione di 136.2 è una revisione al ribasso rispetto alla lettura del mese precedente di 137,9

• 28 nov (mercoledì)

o Lettura preliminare del PIL USA - previsto un tasso di crescita al 3,6%, più moderato rispetto alla forte lettura del secondo trimestre del 4,2% ma ancora a un livello elevato

o Vendite di nuove case negli Stati Uniti - previsto in rimbalzo a 578 mila da una lettura deludente di ottobre di 553 mila. Una serie di dati di vendita di nuove case basse ha segnalato il rischio di rialzo dei tassi di interesse che rendono il prestito ipotecario più oneroso

o Rapporto sulle riserve petrolifere settimanale DoE - registra la variazione delle scorte del petrolio greggio negli Stati Uniti nella scorsa settimana. Le scorte sono in aumento da otto settimane consecutive, aggiungendo preoccupazione per eccesso di offerta finendo per pesare sui prezzi del greggio

• 29 novembre (giovedì)

o Spese in conto capitale delle imprese in Australia: i nuovi investimenti sono diminuiti del 2,5% nell'ultimo trimestre, mentre le attività di costruzione hanno rallentato. È probabile che la lettura abbia un impatto sull'aussie e sull'ASX 200

o Richieste di disoccupazione in Germania - le richieste di disoccupazione rimarranno probabilmente basse in un mercato del lavoro forte, previsto un calo di 10.000 unità.

o Tasso di disoccupazione in Germania - probabile che rimanga al 5,1% in quanto il mercato del lavoro è forte. Il tasso di disoccupazione è sceso quest'anno nonostante i venti contrari nell'economia globale.

o Fiducia dei consumatori europei: il sentiment dei consumatori è in declino negli ultimi mesi a causa delle prospettive commerciali al ribasso

o Indice dei prezzi al consumo in Germania - previsto al 2,4%, in calo di 0,1 punti rispetto al mese precedente

o richieste di disoccupazione negli Stati Uniti

o Consumi personali negli Stati Uniti: previsto un aumento dello 0,4% mese su mese dal momento che il mercato del lavoro rimane sano e forte. È probabile che una deviazione da questa lettura influenzi la prospettiva della roadmap di rialzo dei tassi della Fed, e quindi innescare volatilità nel dollaro

• 30 novembre (venerdì)

o Indice dei prezzi al consumo in Giappone

o Tasso di disoccupazione del Giappone

o China NBS Manufacturing PMI

o Prezzi immobili Regno Unito

o Indice dei prezzi al consumo UE

o Tasso di disoccupazione UE

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets piattaforma Next Generation. Performance nette al 26/11/2018

----------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.