Dibattito parlamentare piano B Brexit

Martedì: questa settimana sarà l'ultima di una serie di scadenze Brexit legate a Brexit dato che il conto alla rovescia si avvicina al 29 marzo. I parlamentari discuteranno l'ultimo tentativo di superare lo stallo sull'accordo di ritiro del Regno Unito e la dichiarazione politica. È improbabile che sia molto diverso dal precedente accordo, anche se potrebbe esserci un emendamento che costringerebbe il governo a chiedere più tempo, se nessun accordo fosse entro il 25 febbraio. La questione dei confini irlandesi continua ad essere il nodo gordiano che i responsabili politici non sono in grado di risolvere.

Apple risultati primo trimestre

Martedì: una delle principali ragioni della sottoperformance di questo mese nel prezzo delle azioni di Apple è stata la decisione di inizio gennaio diminuire l'outlook per questo trimestre da 92 miliardi di dollari a 84 miliardi. Ciò è stato dovuto alle preoccupazioni per il rallentamento in Cina e alla minore domanda per gli iPhone. Le previsioni sono sempre state un po' ottimistiche, dato il fatturato del quarto trimestre di 63 miliardi di dollari e anche aumentando i prezzi, c'è sempre la sensazione che Apple abbia sovraccaricato i prezzi dei suoi prodotti. Data l'intensa competizione in questo ambito, un prezzo richiesto di oltre 1.000 dollari a unità, se accettabile come spesa per un periodo di due anni, diventa meno allettante su base annuale. "L'affaticamento della Apple" potrebbe contagiare il rapporto con alcuni clienti, in particolare con minori aggiornamenti e la mancanza di innovazione altrove.

Facebook risultati primo trimestre

Mercoledì: gli ultimi 18 mesi sono stati difficili per il gigante dei social media Facebook. Continuamente coinvolto nella diffusione di notizie false e preoccupazioni sulla privacy dei dati, la società ha dovuto anche fare i conti con le nuove regole GDPR dell'UE. Ciò ha sollevato il timore che il marchio si sia appannato, una visione che non è aiutata dal comportamento un po' distaccato del CEO Mark Zuckerberg nel momento in cui si tratta di rendere ragione delle mosse della società. Anche i suoi margini sono diminuiti a causa dei maggiori costi, che non hanno aiutato i risultati, mentre il crollo dei corsi azionari dalla scorsa estate è stato doloroso per gli azionisti. Si prevede che gli utili per azione si attesteranno a 2,19 dollari.

Meeting della Federal Reserve

Mercoledì: la riunione della Fed di questa settimana vedrà i responsabili delle politiche statunitensi, che hanno quasi tutti affermato la necessità di una pausa nel ciclo di aumenti dei tassi negli Stati Uniti, discutere dello stato dell'economia degli Stati Uniti. Si svolgerà nel quadro di un'economia che non mostra alcuna pressione inflazionistica e in cui i livelli di fiducia dei consumatori rischiano di sentire gli effetti dello shutdown del governo statunitense. I funzionari della Fed saranno anche ostacolati dal fatto che molti dati economici statunitensi non sono attualmente in fase di pubblicazione, rendendo molto più difficile trarre conclusioni di qualsiasi tipo sulla performance dell'economia.

Unilever: risultati intero anno

Giovedì: uno dei paladini del FTSE 100, Unilever, ha avuto performance stabili negli ultimi anni, con gli azionisti che hanno combattuto una battaglia con successo lo scorso anno per mantenere la società quotata nel Regno Unito. Questo successo ha comportato la dipartira del CEO Paul Polman, che si è dimesso alla fine del 2018. Il nuovo CEO Alan Jope dovrà ricominciare a riparare le recinzioni dopo l'attrito degli ultimi 12 mesi. Con marchi come Marmite e il gelato Ben e Jerry,'s ha iniziato a razionalizzare vendendo parte del suo vasto business, in quanto l'azienda cerca di massimizzare i propri margini. Date le dimensioni dell'azienda, i numeri dell'intero anno di questa settimana non dovrebbero essere eccessivamente preoccupanti per gli azionisti.

Diageo: risultati annuali

Giovedì:  le azioni di Diageo, uno dei più importanti produttori  di alcolici, hanno registrato un andamento abbastanza stabile negli ultimi 12 mesi. Il produttore di Smirnoff e Captain Morgan ha avvertito a settembre che l'effetto a catena delle turbolenze dei mercati emergenti sui tassi di cambio avrebbe colpito le vendite per un totale di 175 milioni di sterline e 45 milioni di sterline in termini di profitto per l'anno successivo. Nonostante questo warning, le azioni hanno registrato un andamento costante e le vendite continuano a registrare buoni risultati nella maggior parte dei mercati. La posizione di cassa è stata migliorata dalla vendita di asset da 550 milioni di pound a Sazerac a novembre, con la maggior parte del ricavato destinato a essere restituito agli azionisti. Il profitto dovrebbe essere intorno ai 71 pence per azione.

Amazon: risultati trimestrali

Giovedì: l'anno scorso Amazon è diventata brevemente una società da 1 trilione di dollari, aiutata da livelli di profitti record dal settore del cloud e della pubblicità. La sua quotazione azionaria è crollata nel quarto trimestre, insieme al resto del settore tecnologico, dopo un aggiornamento degli utili trimestrali del terzo trimestre, che ha sollevato preoccupazioni sul fatto che la sua valutazione si fosse disconnessa con la realtà. Da allora ha recuperato terreno, dopo aver segnalato un periodo festivo in cui ha realizzati numeri record di vendita di articoli. Si prevede che l'aggiornamento del quarto trimestre di questa settimana vedrà l'utile per azione di a 5.54 dollari, ma sarà il dato sulle vendite che sarà osservato con maggiore attenzione.

Eurozona: indice dei prezzi al consumo

Venerdì: la mancanza di pressioni inflazionistiche e un'economia debole continua a rimettere in discussione la valutazione della zona euro della Banca centrale europea (BCE). La scorsa settimana la BCE ha lasciato invariati i tassi di interesse, ma sta diventando sempre più evidente che quest'anno non saranno in grado di aumentare i tassi, come avrebbero voluto fare. Ciò è stato più o meno confermato dopo che la banca centrale ha ridimensionato le sue prospettive economiche affermando che i rischi economici si stanno spostando verso il basso e ha ammesso che i funzionari hanno discusso ulteriori possibili misure di stimolo sotto forma di prestiti TLTRO.

PMI Manifatturieri

Venerdì: Il settore manifatturiero è in difficoltà da diversi mesi e gli eventi recenti hanno dimostrato che vi sono poche prove di un recupero a breve termine. Alla fine del 2018 una serie di grandi economie si è mostrato vicino alla stagnazione e alcune erano in territorio di contrazione, tra cui Italia e Francia. Gli investitori sperano di vedere a gennaio una ripresa dell'attività economica o almeno alcune prove che la crisi sta rallentando.

Non Farm Payroll

Venerdì: il rialzo nei dati di dicembre del numero di non farm payroll di dicembre di 312.000, unità con una crescita dei salari del 3,2%, è stato uno di quei dati lascia a bocca aperta. Tuttavia, ha anche aumentato l'incertezza degli investitori su quali ulteriori misure di politica monetaria potrebbe intraprendere la Federal Reserve nel 2019. I mercati statunitensi hanno già superato il peggior mese degli ultimi anni per le preoccupazioni di un passo falso della politica statunitense nel 2019, quindi gli investitori potrebbero supporre che i responsabili di politica economica potrebbero continuare ad aumentare i tassi, in un momento in cui le crepe appaiono altrove nell'economia globale. Alcune di queste preoccupazioni si sono attenuate nelle ultime settimane dopo vari commenti accomodanti da parte del presidente della Fed Jay Powell, confermate da un buon numero di altri funzionari. È improbabile che il rapporto di gennaio di questa settimana sia altrettanto buono come quello di dicembre, nonostante lo shutdown del governo USA in corso, che ha visto migliaia di impiegati del governo degli Stati Uniti inattivi.

 

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 28/01/2019

-----------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.